Clinica S. Rita: garantire l’immediata salvaguardia dell’occupazione e del salario, e la continuità delle cure sotto il diretto controllo di un Ente Ospedaliero Pubblico. Cambiare il modello Sanitàrio Lombardo

 

Comunicato Stampa

Prendi il volantino pronto per la stampa .it


Il rischio che l’intera partita relativa ai gravi fatti accaduti alla S.Rita, si concluda con bel ricominciamo daccapo, senza variare nessuna Regola, è concreto.

Molte infatti le rassicurazioni ma poche infine le certezze, siglate tra la Direzione Generale Sanità Regione Lombardia e cgil-cisl-uil-fials quanto a possibili garanzie immediate o future per le lavoratrici e i lavoratori della S. Rita.
Praticamente zero le assicurazioni indirizzate in generale ai lavoratori del Settore sanitario privato e ai cittadini, quali utenti e contribuenti del Servizio Sanitàrio Nazionale.

Regione e sindacati hanno concordato:
1)    che in tempi brevi avverrà il ripristino dell’operatività della S.Rita,
2)    il pagamento degli stipendi del (solo) mese di Giugno in nome delle proprietà (assente)
3)    che la S. Rita ha nominato un (nuovo) Amministratore Unico “per il quale la  ASL Milano ha attivato tutte le procedure per la verifica dei requisiti di Legge e della terzietà rispetto alla proprietà.

CUB-Sanità afferma con forza che ciò non è sufficiente perché se è vero o no che altre sono le aziende sanitarie private indagate in Lombardia, allora occorre rompere davvero con ogni segnale di continuità del modello.

La CUB rivendica:
·    garantire l’immediata salvaguardia dell’occupazione e del salario e la continuità delle cure sotto il diretto controllo d’un Ente Ospedaliero Pubblico.
·    intransigenza contro chi viola le regole di buona fede e di accreditamento,
·    che si gettino subito solide basi per la ricostruzione d’un diverso Sistema Sanitàrio Lombardo, a prevalenza Pubblica,

Interrompere con la continuità del modello Sanitàrio e Socio-Sanitàrio Lombardo altrimeenti sarà come dire che si può curare un malato anche grave con il solo uso delle pezzuoline calde e presto, ci si troverà di nuovo a dover fare i conti con altri casi analoghi alla S.Rita.

Milano 18-06-2008

FaceBook