COMUNICATO STAMPA MayDay Parade 2003 IL PRECARIATO SI RIBELLA - Il 1° maggio manifestazione e grande concerto finale  La conferenza stampa di presentazione si terrà nella nuova sede CUB di  Viale Lombardia 20 -
GIOVEDI’ 17 ALLE 11,30
Interverranno Walter Montagnoli, CUB
Critical Mass, Chainworkers.org, Strikers/Autonomia Precaria, Follet, Equilibrio Precario e altri partecipanti all’organizzazione
 

Il primo maggio 2003 si terrà la terza edizione della MAYDAYPARADE:
dopo il successo degli anni scorsi CUB (Confederazione Unitaria di Base) e gli altri organizzatori hanno pensato a una festa ancora più grande. Ci si aspetta l’arrivo di oltre 40.000 lavoratori a tempo indeterminato, precari, parasubordinati a tempo pieno, a part-time, a termine, in apprendistato, in cooperativa, in subappalto che sfileranno per le vie di Milano, protestando contro il precariato e alla fine festeggeranno in piazza Castello. Molti arriveranno anche da Spagna, Inghilterra e Francia.


Sarà ancora più festosa e rumorosa la manifestazione con carri, biciclette (ha aderito anche Critical Mass, il movimento di ciclisti fondato a San Francisco da Chris Carlsson), mini-bar semoventi e soprattutto tanto soundsystem, che partirà alle 14,30 da Porta Ticinese e si concluderà in Largo Cairoli estendendosi verso piazza Castello. Nella MAYDAY PARADE 2003 ci saranno molte novità e un grande concerto finale, con gruppi, cantanti e soundystem. Dietro al palco ci sarà un  megaschermo. I  particolari verranno forniti dagli organizzatori.

La CUB e tutti coloro che stanno attivamente collaborando all’organizzazione della manifestazione ribadiscono il
NO alla libertà di licenziare e al destino di una vita precaria e il
SI’
al diritto al lavoro stabile, a salari europei, al reddito, allo studio, alla salute, alla previdenza per tutti.
E' infatti al precariato, questo nuovo e cruciale soggetto sociale che ha preso finalmente coscienza della sua forza, che il MAYDAY 2003 vuole dare ancora maggior voce ed energia.


MAYDAY 2003 - IL PRECARIATO SI RIBELLA

 Milano 14 aprile 2003
 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
FaceBook