COMUNICATO STAMPA – 10 FEBBRAIO 2005
I CONSUMATORI APPOGGIANO LO SCIOPERO DEL TRASPORTO FERROVIARIO E PARTECIPANO ALLA MARCIA  “PER LA SICUREZZA IN FERROVIA E NEI TRASPORTI” DEL 25 FEBBRAIO   
L’ACU-Associazione Consumatori Utenti appoggia lo sciopero, indetto per domani, proclamato da tutte le Organizzazioni sindacali.  
Ancora una volta i lavoratori del settore si trovano obbligati a dover scioperare a causa del mancato rispetto degli accordi aziendali, per gli interventi sulla qualità e la sicurezza che tardano a concretizzarsi. Perciò il rischio reale è che permanga, ancora per anni, una condizione di precarietà, sempre più diffusa, con gravi conseguenze per l’utenza.   
La situazione di emergenza in cui ci troviamo ha portato, in queste settimane, sia in Lombardia che nel Lazio, alcuni Comitati di pendolari a proclamare lo sciopero dell’abbonamento.   
 ACU, non solo partecipa allo sciopero degli abbonamenti ma offre anche assistenza legale agli utenti qualora venissero colpiti da eventuali provvedimenti repressivi da parte di Trenitalia e di altre aziende ferroviarie.  
Non vorremmo che la gravità della situazione provocasse ulteriori tragedie. Il ricordo di Crevalcore è ben presente e non possiamo dimenticare che in quella tragedia, come in altre precedenti, morirono sia ferrovieri che utenti.  
ACU, non condivide affatto quelle opinioni, espresse anche da alcuni dirigenti consumeristi, che ritengono inopportuno lo sciopero di 24 ore dei ferrovieri… evidentemente questi dirigenti non sono né pendolari né ferrovieri!   
Ufficio stampa ACU, tel. 02/6615411
.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-
COMUNICATO STAMPA - 15 FEBBRAIO 2005
UN PANTOGRAFO GUASTO BLOCCA MEZZA ITALIA
Eurostar fermo tra Orvieto e Orte  
Fermo dalle 11.20, causa guasto ad un pantografo, l’Eurostar è quello della linea Torino-Roma, il numero 9307, che dovrebbe arrivare a Roma alle ore 11.50. Il capo treno, alle 11.45, annuncia un ritardo di ben 120-130 minuti! 
Ancora una volta ci troviamo di fronte al ripetersi di una situazione di disagio sui treni di Trenitalia. Questo ennesimo e inammissibile guasto dimostra, se ce ne fosse ancora bisogno, il persistere di una totale assenza di manutenzione sulle linee. 
Diciamo che non basta il rimborso del biglietto per chi si viene a trovare, sempre più frequentemente, in questa situazione. La questione  è ben più grave: c’è il problema delle ore di lavoro perse, incontri di lavoro che saltano, ecc. 
Questa situazione non è più tollerabile! Chiediamo a Trenitalia e ai Ministri di assumersi le proprie responsabilità à o altrimenti di dimettersi, così come abbiamo già chiesto subito dopo la tragedia di Crevalcore. 
Queste informazioni ci arrivano in diretta dal Segretario Generale dell’ACU, Gianni Cavinato, cell. 339 1300389.  
Ufficio stampa ACU, tel. 02/6615411                                       

FaceBook