Comunicato Stampa
LAVORATORI IN VENDITA!!!
LA MEDUSA CINEMA S.p.A. CHIUDE A ROMA


La Medusa Cinema S.p.A.,
del gruppo Mediaset, ha deciso di svendere al miglior offerente le 8 sale cinematografiche di Roma ed i 55 lavoratori del circuito non hanno ricevuto garanzie sul mantenimento del livello occupazionale e sui diritti fino ad oggi conquistati.
Trattasi dell''ennesima speculazione della banda del "Presidente/Operaio", sarà questa la fine anche dell’Azienda Italia?
I lavoratori, scesi in lotta, dichiarano sciopero per i giorni 30/31 luglio e 1 agosto con presidio e volantinaggio di fronte alle sale Giulio Cesare, Jolly, Maestoso e King.
Si fa appello a tutte le forze democratiche e agli organi di stampa affinché i lavoratori e le loro famiglie non vengano abbandonati al loro destino senza nessuna assicurazione per il loro futuro.

Roma, 29 luglio 2004 -  
                                            CUB-Informazione - Roma 
-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-..


LAVORATORI IN VENDITA!!!
LA MEDUSA CINEMA S.p.A. CHIUDE A ROMA

Dopo quasi 20 anni BERLUSCONI abbandona i cinema tradizionali della capitale! 55 lavoratori (e loro famiglie) stanno vivendo un’estate d’angoscia nell’incertezza del futuro!
Negli ultimi 5 anni la Medusa Cinema in nome di una presunta crisi ha:

1 RIDOTTO IL PERSONALE
2 RIDOTTO GLI STIPENDI
3 AUMENTATO IL CARICO DI LAVORO PER DIPENDENTE
4 NON RISPETTATO GLI ACCORDI SINDACALI


Ma non ha fatto nulla per migliorare la qualità del prodotto e la competitività dei suoi 8 locali (Giulio Cesare, Metropolitan, Fiamma, Embassy, King, Jolly, Maestoso, Eurcine) nel frattempo, però, ha investito milioni di euro nei Multiplex (sale polivalenti all?americana) in giro per l’Italia più redditizi
e con personale a basso costo.
Dopo mesi di menzogne e finte rassicurazioni ci viene comunicato in piena estate che 55 lavoratori, la maggior parte dei quali con contratti a 8 e 10 mesi, saranno ceduti al miglior offerente.
Posti di lavoro, diritti acquisiti messi improvvisamente a rischio dall’ennesima speculazione della banda del "Presidente/Operaio" alla faccia del milione di posti di lavoro.

NON ASSISTEREMO DA SEMPLICI SPETTATORI ALLA NOSTRA ROVINA!!!


LAVORATORI DELLA MEDUSA IN LOTTA PER LA DIFESA DEL POSTO DI LAVORO

FaceBook