COMUNICATO STAMPA
Ad Arese questa mattina si è svolto l’incontro con l’azienda sul futuro dei reparti Progettazione Sperimentazione e Stile. Smantelleranno tutto. 
OGGI È IL GIORNO DELLA VERITÀ: LA FIAT NON SOLO CHIUDERÀ ARESE MA FARÀ MORIRE  IL PRESTIGIOSO MARCHIO ALFA 
Carlo Pariani, RSU-CUB: “Dopo l’incontro di oggi è evidente che la FIAT ha preso in giro tutti: lavoratori, sindacati, governo e istituzioni. Ha sempre detto che avrebbe mantenuto ad Arese i reparti di Progettazione, Sperimentazione e Stile invece smantelleranno tutto per portarli a Torino. Questo vuol dire non solo cancellare Arese ma anche distruggere un marchio prestigioso perché l’Alfa, alla resa dei conti, non esisterà più”.  
IL 29 DICEMBRE ALLE 10 MANIFESTAZIONE IN PIAZZA DUOMO PER LOTTARE PER LA SALVEZZA DI ARESE  
“All’incontro di oggi ad Arese è venuta fuori la verità – afferma Carlo Pariani Rsu- CUB - e i nostri timori sono stati confermati: la Fiat smantellerà completamente Arese e porterà tutto a Torino. Loro dicono che produrranno Alfa a Torino, ma saranno Fiat camuffate da Alfa. Non possiamo che essere indignati ma questa volta l’indignazione dovrebbe essere del Paese intero perché Montezemolo e tutta la FIAT hanno preso in giro non solo i lavoratori e i sindacati ma anche il governo e tutte le istituzioni coinvolte, in prima fila la Regione Lombardia. Hanno sempre detto e scritto che ad Arese avrebbero smantellato la produzione ma avrebbero mantenuto i reparti Progettazione, Sperimentazione e Stile. Oggi si è visto che mentivano”.  
“Ormai è chiaro che bisogna togliere l’Alfa dalle mani degli Agnelli – rincara Piergiorgio Tiboni, coordinatore nazionale CUB - c’è una classe dirigente che ha mentito a tutto il Paese e che fa la rovina dell’industria automobilistica. Invece di approfittare di un marchio storico e prestigioso per il rilancio del settore lo cancella assorbendolo alla FIAT che è in piena crisi. 
In dieci anni non solo non si è avviato nessun piano di rilancio e sviluppo dell’Alfa Romeo in grado di salvaguardare l’occupazione ma si è arrivati alla cancellazione di un marchio prestigioso. E’ intollerabile vedere una classe dirigente che fa solo i suoi interessi. 
Mi preme sottolineare soprattutto – continua Tiboni - che con oggi si fa ancora più evidente l’esigenza di definire un piano industriale per salvare Arese ridandole anche una vocazione produttiva. Lo smantellamento totale è l’ennesimo impegno disatteso dalla FIAT che conferma la sua inattendibilità. Oggi è arrivata la conferma che i nostri timori non erano infondati. 
Il 29 scenderemo di nuovo in piazza con i lavoratori per continuare a lottare contro il progetto della Fiat di licenziare i lavoratori e chiudere lo stabilimento.
La Fiat, invece di produrre auto, produce licenziamenti e precarietà. La Flmuniti-CUB scenderà in piazza con i lavoratori di Arese il 29 in piazza Duomo (h 10) chiedendo di intervenire con fermezza perché se si vuole si può rilanciare l’occupazione costituendo ad Arese il polo delle auto sportive e di lusso, Alfa, Ferrari, Maserati, mettendo attività produttive di meccanica e carrozzeria Alfa Romeo  e facendo decollare il Polo della mobilità sostenibile. 
In più è di ieri la notizia che il maxi decreto prevede la proroga della cassa integrazione con riduzioni fino al 30%: si fa ancora più urgente – conclude Tiboni - la definizione a livello regionale dell’integrazione al reddito proposta dalla Cub”. 
 Flmuniti-Cub chiede di intervenire con fermezza perché
La Fiat dia un futuro all’Alfa Romeo di Arese e prospettive di lavoro certe a tutti i lavoratori
La Regione Lombardia dia operatività al Polo della Mobilità Sostenibile con l’impegno della Fiat; ci vuole un consistente intervento economico nel capitale sociale
Venga assicurata ai lavoratori, per il periodo in cui sono in Cigs, un’indennità in grado di garantire una vita dignitosa
Il 27 dicembre ci sarà un incontro all’Ufficio regionale del lavoro sul termine della procedura di mobilità per 490 ex lavoratori delle carrozzerie e del reparto costruzione dei prototipi.  
Milano, 22 dicembre 2004

FaceBook