COMUNICATO STAMPA  
HA AVUTO SUCCESSO LA CAMPAGNA LANCIATA DALLA CUB “1 EURO PUO’ BASTARE” 
(Comunicato a cura di tutti i precari) 
Alleluja! Habemus Treno!
Sabato 30 aprile sera San Precario Express Napoli-Roma-Milano.

Sanctus Precarius nuntiat vobis:
Per gratiam Sancti ex voluntate devotae moltitudinis precariarum pracariorumque, habemus treno!

Amatissime devote, amatissimi devoti, precarie e precari d'Italiya in santa lega per festeggiare a Milano nella sacra Euro May Day la comunione d'amore e di lotta per i vostri sacrosanti diritti, per i beni fondamentali, per l'abitare, per l'accesso alla conoscenza, per la libera circolazione, per  una cittadinanza e per un reddito universali:

i vostri dediti sforzi, la volontà infusa dall'incontro dei desideri e delle lotte, la creatività e l'intelligenza di quante e quanti portano il cuore nella mano e con il cuore i buoni diritti da far valere per il presente e per il futuro, hanno prevalso.

La mente di chi dirige
Trenitalia, l'azienda unica dei trasporti ferroviari nazionali, è stata illuminata.

Le resistenze, le esitazioni, la lingua oscura e la voce falsata del mercato, le oscure e false minacce dei funzionari e dei soldati di Cesare, hanno ceduto il passo alla verità: May Day è un evento speciale, in cui si reclamano diritti che le molte e i molti debbono godere ogni giorno.

Perciò, domani sera prima da Napoli e poi da Roma partirà un treno speciale, tanto speciale che non porta il marchio di alcuna istituzione, di alcuna rappresentanza, di alcuna organizzazione.

E' un treno-charter dedicato, dice anche l'azienda: a voi che l'avete conquistato, al messaggio del May Day.

E' il vostro treno e perciò si chiama semplicemente: San Precario Express.

Per viaggiare da
Roma a Milano e viceversa il Primo Maggio, l'azienda Trenitalia, come è ben noto, "offre" alle umili e agli umili che ogni giorno pagano senza alcuna tariffazione sociale la mobilità che è essenziale oggi alla produzione di ricchezza, al lavoro e alla vita, un biblietto "scontato" da 30 euro.

Così non sarà per il San Precario Express. Non occorrerà pagare alcun biglietto "scontato" a 30 o 20 o 15 o 11 euro.

Trenitalia ha infatti compreso, come hanno fatto anche divers* potenti chiamati alla penitenza e perciò ad unirsi all'invocazione de* devot*, che si tratta di un convoglio destinato ad un evento speciale, chiamato May Day:
speciale proprio per l'ordinarietà de* suoi partecipanti, ordinar* nella loro povertà e nel loro sudato contributo quotidiano ad una mobilità che dovrebbe essere accessibile equamente a tutt*, e speciali per il fatto di rappresentare nel giorno della loro festa come sfruttat* e reclamanti diritti la verità presente e futura dello sfruttamento e dei diritti reclamati.

Ciò che dimostra che San Precario moltiplica i miracoli in ragione della tenacia delle devote precarie e dei devoti precari. E dimostra anche che una tariffazione sociale è possibile.

Ora si vanno raccogliendo gli ulteriori sforzi della Consorellanze e delle Confraternite de* devot*.

E viene affluendo qualche obolo di abbienti chiamati al cospetto della nuda povertà delle precarie e dei precari che vogliono incontrarsi a Milano.

Alle devote e ai devoti che vorranno viaggiare sul San Precario Express, questo è il messaggio:avevate reclamato che "1 euro può bastare" e 1 euro basterà.

1 euro per andare e 1 euro per tornare.

E ancora questo è il messaggio: San Precario moltiplica i miracoli in ragione della vostra buona volontà.
A quell'euro per andare e a quell'euro per tornare aggiungete dunque il vostro obolo che alimenti la devozione a San Precario.
Un obolo dovuto, che sia equo e in proporzione pari a quel che può bastare a buon diritto:
a Trenitalia quel che è di Trenitalia, all'autorganizzazione quel che è dell'autorganizzazione.
Un obolo in ragione delle quattro intercessioni di San Precario, favorite dall'autorganizzazione e che ad autorganizzarsi ancora ammoniscono:
la prima perché questo treno si sia reso possibile;
la seconda perché questo treno e il vostro reclamo fosse comunicato per tutte le strade;
la terza per le tante devote e i tanti devoti sotto processo per aver  reclamato diritti;
la quarta per sostenere chi a Genova e a Cosenza è giudicato nei tribunali dello Stato a nome delle centinaia di migliaia che hanno reclamato un mondo diverso e per questo hanno subito repressione, sevizia ed uccisione, chi dunque rischia di pagare per tutt*, in vece dello Stato.

Quest'obolo quadruplice
è per voi stess* dunque: perciò non è una scelta, ma la vostra scelta.

Andate e venite in pace e con gioia.
Pagate il giusto e non di più, e il resto sia per voi, per una volta.
Se vi amate, promettetevi che di questa volta farete tutte le volte.

Nei secoli dei secoli: May Day!

FaceBook