TOTALE LA PARTECIPAZIONE DEI LAVORATORI DEL CALL CENTER ALITALIA ALLO SCIOPERO DI OGGI 9-5-05
INDETTO DALLA C.U.B. TRASPORTI

 CONTRO LA PRECARIETÀ 
 A SOSTEGNO DELLA STABILIZZAZIONE DEL LAVORO IN ALITALIA, IN AZ AIRPORT E IN AZ EXPRESS ATTRAVERSO L’ADOZIONE DI UNA LISTA UNICA BASATA SULL’ANZIANITÀ
Pressoché totale la partecipazione dei lavoratori del Call-Center Alitalia allo sciopero di oggi, 9 maggio 2005, indetto dalla C.U.B. TRASPORTI dalle ore 10,00 alle ore 18,00. 
La C.U.B. TRASPORTI insieme ai lavoratori del Call Center Alitalia (quasi tutti precari)  rivendicano:
una rapida stabilizzazione dei lavoratori precari di Alitalia;  
un criterio chiaro e trasparente da realizzare attraverso l’adozione di una lista unica di personale precario, basata rigorosamente sull’anzianità di servizio, per le assunzioni in Alitalia, Alitalia Airport, Alitalia Express.
Il Piano Cimoli prevede la liquidazione del Call-Center: un disegno pericoloso ed inaccettabile a cui i lavoratori hanno ribadito la propria contrarietà. 
Il passaggio del Call-Center AZ in Alitalia Servizi presto sarà seguito dal trasferimento dell’attività al Gruppo Cos, aprendo per centinaia di lavoratori Alitalia il baratro della disoccupazione o l’inferno del cottimo. 
Notevole è stata anche la partecipazione dei lavoratori alla Manifestazione indetta dalla C.U.B. TRASPORTI davanti alla sede della Regione Lazio, a cui hanno partecipato anche l’On. N. Simeone (Vicepresidente del Consiglio della Provincia di Roma) e l’On. A. Bonelli, di nuovo confermato nel Consiglio Regionale. 
Una delegazione della C.U.B. TRASPORTI e di lavoratori, accompagnata dall’On. A. Bonelli, è stata ricevuta dalla segreteria politica del Presidente della Regione Lazio.  
La segreteria del Presidente della Regione si è impegnata, a nome dell’On. Marrazzo, ad avviare un tavolo di confronto sulla vertenza del precariato in Alitalia e nel Trasporto Aereo: il primo incontro si terrà con il nuovo Assessore al Lavoro del Lazio entro 48 ore dall’insediamento della Giunta Regionale. 
La C.U.B. Trasporti, infine, ha ribadito la necessità di avviare tale confronto congiuntamente con le altre istituzioni locali (Comune e Provincia), le quali peraltro hanno confermato la loro disponibilità a partecipare a tale iniziativa. 
Roma 9-5-05             
                                                    C.U.B. TRASPORTI settore aereo

FaceBook