Cub Genova in attesa di chiarimenti dalla nuova cooperativa per l’appalto Sogegross

Lo scorso 8 aprile si è svolta l’assemblea dei lavoratori della Società Cooperativa Ge.At, in cui erano stati segnalati i numerosi disagi che si vivono nel cantiere, in particolare per quanto riguarda la comunicazione tra operai e azienda

Dall’incontro era emersa la volontà di arrivare a un blocco delle attività e a possibili interruzioni di lavoro, confermando altresì lo sciopero nazionale indetto dalla Cub e dalle OO.SS. di base per il prossimo mese di maggio. Le criticità maggiori tra quelle evidenziate dagli iscritti Cub, hanno finora riguardato l’effettiva fruizione di istituiti contrattuali come ferie e permessi, la cui richiesta anche in caso di particolari urgenze, veniva disattesa o negata senza valide motivazioni. Lo stesso dicasi per i frequenti spostamenti degli orari lavorativi e i conseguenti cambi di reparto senza un minimo di preavviso, creando in tal modo disagi e malumori tra gli iscritti che li subiscono. “Anche i coordinatori scelti dal capocantiere – si legge nella nota Cub – vengono cambiati senza corrispondere ai nominativi presenti nell’organigramma esposto in cantiere. Questi ‘coordinatori’ inoltre impartiscono, senza averne titolo, ordini ai lavoratori ignari dei compiti loro assegnati”.

A nostro avviso – concludono dalla Cub – il loro modus operandi risulta oltremodo pressante ed opprimente, specialmente nei confronti dei nostri assistiti, che sottoposti a questo continuo stress si trovano in condizioni tali da non riuscire a lavorare serenamente aumentando di molto la possibilità di commettere degli errori e farsi male”.

Aggiornamenti

Dal segretario della Cub di Genova di via Savona, Giovanni Adamo, apprendiamo che per il prossimo 9 maggio è fissato l’incontro con la Cooperativa che andrà a sostituire Ge.At. “Incontro le cui premesse – conferma Adamo – sembrano positive, data la disponibilità espressa dall’azienda a discutere delle problematiche presenti in cantiere”.

 

FaceBook