MAI PIU' SCHIAVISMO! REDDITO E DIGNITA' PER I BRACCIANTI E GLI OPERAI ANGELERI -

Guazzora, provincia di Alessandria, la terza provincia italiana per il livello di qualità della produzione agricola. Una delle principali aziende di queste campagne è l'Angeleri, azienda produttrice di ortaggi con annesso magazzino di confezionamento.

All'interno di questa ditta lavorano una quarantina di braccianti, operai agricoli e addetti al confezionamento; italiani, indiani e marocchini.
La ditta Angeleri non è piccola e lavora per il mercato della Grande Distribuzione Organizzata, Carrefour, Esselunga ed Eurospin. Non si tratta quindi di un'azienda di poca o nulla importanza. Gli ortaggi di Angeleri finiscono sulle nostre tavole in tutto il Nord Ovest del paese.
A partire dallo scorso autunno i lavoratori e le lavoratrici di Angeleri iniziano a non essere più pagati. Si svolge un primo sciopero che si conclude con un accordo in Prefettura il 30 Ottobre che prevede vengano ripristinati i pagamenti degli stipendi e degli arretrati maturati dai dipendenti.
Senza grandi problemi la ditta Angeleri dopo un mese disattende completamente gli accordi e ricomincia a non pagare.

Dalla fine di Dicembre i lavoratori e le lavoratrici entrano in sciopero a tempo indeterminato. Nuovi passaggi in Prefettura sono inutili, Angeleri continua a non pagare e gli stipendi arretrati si accumulano fino ad adesso.
Lavoratori e lavoratrici della ditta hanno vissuto fino ad adesso grazie alle iniziative di solidarietà che la CUB ha costruito in queste settimane per permettere loro di riuscire a mangiare e a pagare l'affitto.
In questi giorni braccianti ed operai si sono licenziati per poter ottenere il sussidio di disoccupazione, ma la loro situazione è comunque difficile.
Si tratta di lavoratrici e lavoratori che hanno pagato caro la loro scelta di non piegare la testa davanti alla ditta Angeleri.

Come lavoratrici e lavoratori abbiamo uno specifico dovere di solidarietà con loro. Si tratta, infatti, di sostenere una lotta esemplare di difesa del reddito e della dignità di chi lavora che non può lasciarci indifferenti.
Sostenere la lotta dei braccianti Angeleri vuole dire sostenere la difesa di tutti e tutte le lavoratrici e i lavoratori di questo paese.

MAI PIU' SCHIAVISMO!
REDDITO E DIGNITA'
PER I BRACCIANTI E GLI OPERAI ANGELERI

VENERDI' 5 APRILE H. 18,00 Largo VITALE 113/A

CUB PIEMONTE

 

 

FaceBook