I lavoratori respingono la Mobilità e i trasferimenti punitivi. I lavoratori del Centro Commerciale La Masseria, al centro del triangolo commerciale di Cardito-Afragola e Casoria in provincia di Napoli, hanno iniziato uno sciopero ad oltranza contro una finta mobilità e dei trasferimenti puniti dei lavoratori part time a 4 ore (quasi tutte donne con figli piccoli) che la società che lo gestisce a voluto mettere in atto. RASSEGNA STAMPA.

 

Uno situazione strana che a visto anche in questi giorni un tentativo presunto e illegittimo trasferimento di azienda (mai comunicato alla nostra O.S. che rappresenta il 95% dei lavoratori che lavorano presso il centro commerciale (circa 70 persone) a personaggi del casertano che dicono di essere imprenditori ma che non vogliono in nessun modo trattare con il sindacato.

Il blocco degli ingressi che vede sopratutto la solidarietà della cittadinanza solidali con i lavoratori che in una guerra tra poveri vedono altri lavoratori lavorare al posto loro (portati da altre ipermercati del casertano a lavorare a Napoli).

La Flaica Cub oltre ad aver denunciato alle autorità competenti tutto quello che era nelle sue prerogative continua quotidianamente a sostenere la lotta di queste lavoratori che per anni avevano dato il loro sacrificio ai padroni senza fiatare, abbiamo trovato all'interno 11 lavoratori in nero, donne assunte a 4 ore che lavoravano 10, non prendono le buste paghe da oltre 12 mesi, e dulcis in fundo non prendono lo stipendio dal mese di maggio.

 

La FLAICA CUB chiede da subito e per questo sta a scioperare, il ritiro della mobilità, il rispetto dei contratti e degli orari, l'assunzione dei lavoratori in nero senza se e senza ma, il rispetto dei diritti dei lavoratori, il pagamento a saldo di tutte le differenze economiche a loro dovute e il ritiro dei trasferimenti dei lavoratori presso altre centri commerciali.

 

Napoli 06/09/2014

FLAICA UNITI CUB Napoli

 

Leggi dal'Corriere della Sera

 

{besps}2014-09-15_La-Masseria{/besps}

 

FaceBook