Dopo una lotta sindacale durata un anno, si è finalmente risolta la vertenza dei lavoratori degli appalti dell’Hotel Excelsior Gallia di Milano: da oggi, 16 luglio 2021, sono stati riassunti dall’azienda Papalini che sta gestendo i servizi di pulizia e facchinaggio nell’hotel e a cui è stato affidato l’appalto per i prossimi 3 anni.
Come Flaica – CUB e S.I. Cobas siamo soddisfatti degli accordi raggiunti e sottoscritti: verranno riconosciute le condizioni contrattuali ed economiche precedenti, mantenendo il tempo indeterminato, i livelli e i parametri contrattuali, con armonizzazione migliorativa al CCNL dell’Industria Turistica – AICA.


In data 16.07.2020, esattamente un anno fa, in piena crisi pandemica e con l’hotel chiuso, la società HoGroup, che gestiva l’appalto, aveva chiesto ai lavoratori di sottoscrivere una conciliazione per auto-licenziarsi, promettendogli un “futuro” pagamento del TFR e l’accesso alla Naspi.
Mentre tutto ciò avveniva, il Gallia affidava la gestione della riapertura tra agosto e dicembre ad una azienda, la KeepUp, che si serviva di personale esterno, non richiamando al lavoro gli aventi diritto.
I lavoratori, organizzandosi con i nostri sindacati, avevano respinto le conciliazioni, iniziando una vertenza sindacale per richiedere il reintegro di tutti i dipendenti. Tante le mobilitazioni sotto l’Hotel, la Prefettura di Milano e denunce agli organi ispettivi. Lunghissime le trattative con l’hotel e l’azienda Papalini, a cui a gennaio 2021 era stato affidato l’appalto con rinnovi mensili fino a questo mese.


La vertenza dei lavoratori degli appalti dell’Hotel Gallia in poco tempo si era trasformata, anche per il risalto mediatico, nella lotta simbolo dei lavoratori di un settore messo completamente in ginocchio dal Covid, in cui le operazioni di espulsione della forza lavoro erano già iniziate nonostante il blocco dei licenziamenti disposto dal Governo, con cessazioni improvvise d’impresa e cambi d’appalto al ribasso e non trasparenti.
Più volte abbiamo chiesto alla Prefettura di farsi promotrice della convocazione di un tavolo di crisi fra le parti sociali del settore, per analizzare l’andamento occupazionale, scongiurare situazioni illegittime, e per evidenziare il dramma sociale di estesissime dimensioni che, ovviamente, si intensificherà con la fine del blocco dei licenziamenti prevista, per il settore, il 31 ottobre 2021.


La lotta dei lavoratori degli appalti dell’Hotel Gallia e il risultato raggiunto, dimostrano quanto sia fondamentale organizzarsi sindacalmente e lottare uniti per i propri diritti e la propria dignità.


Che questa lotta possa essere d’esempio per i migliaia di lavoratori, non solo del settore, che oggi si trovano in situazioni di estrema crisi e precarietà !
Luglio 2021

FlaicaUniti – CUB - Viale Lombardia, 20 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


S.I. Cobas Via B. Celentano, 5 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Scarica il comunicato in pdf

 

FaceBook