Manifestazione domani, 20 maggio, a Napoli, in Piazza Municipio a partire dalle H 11:00, indetta dalla Flaica CUB all’interno della settimana di mobilitazione nazionale del comparto multiservizi. Flaica CUB interviene con proposte concrete sul rinnovo del CCNL Multiservizi, un contratto che viene spesso utilizzato per favorire i processi di esternalizzazione in appalto di fasi dell’attività produttiva, abbassando il costo del lavoro per il committente e i conseguenti diritti per i lavoratori.

Noi ci opponiamo all’utilizzo del CCNL Multiservizi per favorire l’esternalizzazione – dichiara Marcelo AMENDOLA, Segretario Nazionale CUB – rivendichiamo la parità di trattamento tra i lavoratori del committente e quelli dell’appaltatore, con la prospettiva di una reinternalizzazione di tutti gli appalti”.

“E’ inoltre prioritario - sottolinea Marcelo AMENDOLA - un deciso aumento salariale e l’introduzione delle voci di lavoro supplementare. In Campania la stragrande maggioranza del lavoro che viene offerto, se mai viene offerto, è per fare dalle 12 alle 13 ore al giorno di lavoro per 1000 euro al mese tutto compreso, senza nessun tipo di assicurazione, completamente in nero. È questo che oggi offre la nostra regione nella stragrande maggioranza dei casi”.


Tra le proposte per il rinnovo del contratto CCLN Multiservizi anche lo sblocco dell’anzianità forfettaria di settore per le figure operaie. Ad oggi il CCNL prevede un solo scatto in tutta la carriera lavorativa che avviene dopo 4 anni e viene riconosciuto solo dal quinto anno. “La nostra proposta è il riconoscimento – precisa Flaica CUB - come per le figure impiegatizie di uno scatto di anzianità ogni due anni. A questo si aggiunge la richiesta di eliminare la possibilità di stipulare contratti a 600 ore ordinarie annuali senza limite giornaliero, contratti che annullano ogni possibilità di godere del supplementare”.

Oltre alla manifestazione di Napoli di domani 20 maggio, un’altra iniziativa è prevista a Torino sabato 22 maggio alle H 11:00, in Piazza Castello.

 

FaceBook