Oggi una delegazione dei lavoratori degli appalti dell'hotel di lusso Excelsior Gallia e i sindacati FlaicaUniti - CUB e Si Cobas si sono recati presso la Prefettura di Milano per chiedere un incontro.

I circa 80 lavoratori rischiano di essere licenziati. L'azienda HoGroup che gestiva l'appalto ha prima cercato di fargli sottoscrivere delle conciliazioni tombali per aggirare il blocco sui licenziamenti ed oggi l'Hotel Gallia non risponde e non da notizie in merito alla sua riapertura. Con la scadenza degli ammortizzatori sociali, per questi lavoratori prevista per il 15 novembre, verranno tutti licenziati.
La Prefettura, dopo aver promesso in data 26 luglio di convocare un tavolo con tutte le parti in causa, non ha dato più riscontri. Le organizzazioni sindacali hanno inviato più richieste di incontro a cui non c'è stata alcuna risposta. La delegazione dei lavoratori oggi non è stata incontrata da nessuno e i rappresentanti sindacali sono stati identificati dalla polizia.
A seguito di mediazione con la Digos è stato concordato che una delegazione dei lavoratori tornerà domani per incontrare i rappresentanti della Prefettura a cui chiederemo di far rispettare quell'utilità sociale e quel rispetto della dignità umana che la Costituzione pretende dalle imprese, che DEVONO sedersi a un tavolo di confronto per trovare una soluzione che scongiuri un dramma sociale come il licenziamento di 80 famiglie.

FlaicaUniti - CUB di Milano e prov.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Milano, 7 ottobre 2020

foto CUB

 
 
 
FaceBook