Alla cortese attenzione del Sindaco di Monza
Sig. Allevi Dario


Comune di Monza Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Monza, lì 13 maggio 2020

Oggetto: richiesta di pagamento stipendi lavoratrici (ausiliarie) delle cooperative Insieme Lacerenza che gestiscono l’appalto asili nido del Comune di Monza.

La scrivente organizzazione sindacale segnale che:
le lavoratrici della cooperativa "Insieme" e "Lacerenza" non hanno ricevuto le mensilità di marzo e aprile 2020;

le stesse aziende avrebbero comunicato alle dipendenti di avere avviato presso l’INPS le procedure per il pagamento diretto del FIS (Fondo Integrativo Salariale) e che, a tutt’oggi, non risulta pagato;
- il mancato pagamento delle due mensilità produce un aggravio delle condizioni economiche delle lavoratrici e delle loro famiglie;
- la sospensione dell’attività lavorativa, come da disposizione del Comune di Monza, è dovuta alla fase di emergenza Covid-19 da cui discende la richiesta del FIS, come dal DPCM “Cura Italia”, del 17 marzo 2020 n. 18;
- a fronte dei bassi salari delle lavoratrici si rende necessario garantire il 100% dello stipendi alle lavoratrici, spirito dell’articolo 48 DPCM “Cura Italia”.
Ciò premesso, come sindacato CUB a tutela delle lavoratrici, siamo a chiederle di anticipare il pagamento degli stipendi, ciò anche in forza anche dell’obbligazione in solido quale committente dell’appalto asili di Monza.

Misura da adottarsi in accordo con l’INPS di competenza e le cooperative interessate al fine di definire le modalità operative di restituzione dell’anticipo in fase di liquidazione del FIS.
Al fine di garantire il pagamento del 100% del salario alle lavoratrici, siamo a chiederle,
l’applicazione dell'articolo 48 del decreto “Cura Italia”, che nella crisi del Covid-19 autorizza le amministrazioni comunali a pagare i gestori privati dei servizi in appalto, anche quando il servizio non viene prestato. Questo permetterebbe di integrare la quota mancante tra copertura del FIS (tra 60/80 %) e il 100% del salario contrattuale.
E’ da intendersi che la quota ad integrazione del salario ai sensi dell’applicazione dell’articolo 48 del DPCM “Cura Italia” non deve essere soggetta a restituzione da parte della lavoratrici.

in attesa di riscontro.

Distinti saluti
Per la CUB
Franco Calandri 
Giovanni Cippo 

Confederazione Unitaria di Base
20900 Monza Via Piave, 7 tel 039/832267 fax 2849844
e-mail : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

       educatori-sociali-13maggio2020-Monza.pdf

 

 

FaceBook