In programma una nuova iniziativa sindacale per il giorno di martedì 25 febbraio alle ore 15,00 per presidiare il CdA ed impedire che voti l'ennesima condanna per noi ad un futuro di lavoro precario.

Foto archivio CUB Piemonte

 

Oggi le lavoratrici e i lavoratori esternalizzati delle biblioteche e del bar dell'Università di Torino si sono presentanti in gran numero durante la commissione organico, mentre si discutevano i piani d'assunzione per gli anni a venire, per sottolineare nuovamente le richieste della fine del lavoro precario in università con un piano di stabilizzazione per tutte/i e l'apertura immediata di un tavolo di trattativa sindacale per raggiungere questo obbiettivo.
Purtroppo, dopo silenzi imbarazzanti, non abbiamo ricevuto alcuna risposta positiva e dobbiamo sottolineare con grande disappunto che:
I concorsi in area biblioteche previsti per quest'anno sono 10, ma solo 5 unità di personale verranno poi destinati a singole biblioteche, mentre altri 5 verranno destinati ai servizi centralizzati;
Non sono previsti concorsi nell'area biblioteche né per il 2021 né per il 2022 perciò l'Ateneo non ha nessuna prospettiva di internalizzazione del servizio;
Non è chiaro se e come in fase concorsuale verranno riconosciute le anzianità delle precarie/i
A causa del ricorso al TAR, da cui si attende ormai dal 20 novembre 2019 la sentenza, non è ancora possibile avviare il nuovo appalto. Perciò abbiamo richiesto che venisse deciso un calendario di lavoro comunque annuale o almeno fino alle chiusure per le vacanze estive in modo da rendere possibile la programmazione dei servizi, ma l'Università ha scelto di stilare un calendario delle aperture per soli due mesi (fino a pasqua per intenderci)
Venuti a conoscenza di questo piano organico le lavoratrici e i lavoratori hanno quindi chiesto alla commissione organico di rimandare la decisione per dare il tempo di aprire un tavolo di trattativa con il Rettore, ma anche questa richiesta è stata rigettata seppur appoggiata da una consigliera e dai rappresentanti degli studenti.
Pertanto l'assemblea non ha potuto che concludersi con la riconferma dello stato di agitazione e la convocazione di una nuova iniziativa sindacale per il giorno di martedì 25 febbraio alle ore 15,00 per presidiare il CdA ed impedire che voti l'ennesima condanna per noi ad un futuro di lavoro precario.

Bibliocoop – FLAICA CUB
Cub Scuola Università Ricerca Torino

FaceBook