cub trasporti SCIOPERANO dalle 00,01 del 14/11/14 alle 21,00 del 14/11/14
In Difesa dell'Articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori che salvaguarda dai licenziamenti senza giusta causa, Contro le politiche del lavoro del Governo italiano e contro la legge di stabilità che portano solo maggiore povertà, disoccupazione di massa e distruzione del tessuto produttivo in nome della Austerity economica imposta dall'Unione Europea.

 

In Difesa dei Servizi Pubblici fondamentali a partire dal Diritto alla Salute ed al Diritto alla Mobilità, minacciati dai tagli imposti dalla Legge di Stabilità voluta dal Governo Renzi
In Difesa del Diritto di Sciopero e del Diritto dei lavoratori di scegliere liberamente i propri rappresentanti sindacali, diritti attaccati dai nuovi vergognosi Accordi sulla Rappresentanza siglati dai sindacati concertativi con Confindustria.
Contro il recepimento delle direttive europee e dei trattati internazionali di libero commercio (TTIP) che il Governo Renzi intende sottoscrivere, che prevedono per le aziende di concorrere "senza vincoli e ostacoli" nella definizione dei contratti più vantaggiosi per la libertà d'impresa; ossia determinando offerte al massimo ribasso senza tutela alcuna per i lavoratori.
Contro il "JOB ACT" e lo "SBLOCCA ITALIA", controriforme sociali di Matteo Renzi che attaccano e colpiscono in particolare i diritti del SETTORE APPALTI, già oggi fra i meno tutelati di questo paese:
"Maggiore possibilità di utilizzare i contratti a termine"- potrebbe significare che al cambio di appalto l'Azienda subentrante ti assume si,ma solo per la durata dell'appalto in essere, così al termine del periodo coperto dall'appalto non è costretta a "tenersi sul gobbo" eventuali lavoratori che chi subentra non assume.
"Abolizione tutele Articolo 18 per i neoassunti"- nella nostra categoria di lavoro in appalto temporaneo forse potrebbe succedere che al cambio appalto con subentro di altre aziende si diventi tutti neoassunti. Quindi tutti licenziabili.
"TFR in busta paga"- ti danno soldi tuoi(salario differito) ma ti ci fanno pagare sopra più tasse, perdi diritto a molte detrazioni ISEE e se hai fatto i fondi pensione gli devi versare ugualmente.
"80 euro confermati"- tutte le Amministrazioni hanno obbligo di ridurre del 5% di tutti gli appalti, anche in corso, per coprire le spese e ridurranno i soldi alle ditte appaltatrici che si rifaranno sui salari dei lavoratori (meno ore lavorate) Il "regalo" ce lo facciamo da noi!
Inoltre siamo a scadenza del CCNL Attività Ferroviarie (31/12/2014), in assenza al di alcuna garanzia che questo sia mantenuto per il futuro dalla Holding Ferrovie dello Stato spa, benché ancora interamente controllata dal Ministero del Tesoro (quindi pubblica) ed invece venga sostituto dai nuovi contratti di schiavitù come il Multiservizi; operazione già avviata nelle portinerie Ferservizi e Deposito Bagagli.


RESPINGIAMO L'ATTACCO ALLE TUTELE DEL LAVORO E LA DEREGULATION ECONOMICA E COMMERCIALE
RISCATTIAMOCI DALLA PRECARIETÀ E DALLA SOTTOMISSIONE
SCIOPERIAMO COMPATTI CONTRO QUESTA POLITICA CRIMINALE IL 14 NOVEMBRE 2014

 

CUB - Confederazione Unitaria di Base
Sede nazionale: Milano: V.le Lombardia 20 - tel. 02/70631804
www.cub.it - e mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

NORME TECNICHE SCIOPERO TRASPORTO FERROVIARIO DALLE 00,01 DEL 14/11/14 ALLE 21,00
DEL 14/11/14

 

FaceBook