SEMPRE PEGGIO…

Ci risiamo! Dopo l’odiosa disdetta degli accordi integrativi dell’ottobre 2013, il vergognoso comportamento dei concertativi e (per fortuna) la causa intentata nei confronti dell’azienda da parte dei lavoratori con la successiva transazione sancita dal giudice, i “signori” che  rappresentano  ATP (CDA, dirigenza), lungi dal riconoscere la propria  inadeguatezza ed incapacità dimettendosi, si permettono ancora di fare la “voce grossa” con il personale.


Da quasi un anno, questa dirigenza (supportata da una politica che le uniche cose che dimostra di voler rottamare sono i diritti dei lavoratori ed il futuro loro e delle loro famiglie) invece di dimostrare un po’ di rispetto per chi vede ingiustamente decurtato il proprio stipendio nonostante continui a presentarsi al lavoro, a garantire la regolarità del servizio e risolvendo a volte problematiche che sarebbero di competenza aziendale, dimostra un’arroganza vergognosa.
La riprova si è avuta durante le ultime COT dove, oltre a presentare in parecchi casi turni assolutamente FUORI NORMATIVASENSIBILMENTE PEGGIORATI (a volte con l’aggiunta di corse ad personam) con abili giochetti sono state tagliate diverse percorrenze (alla faccia della sicurezza), eliminati minuti di sosta e preteso addirittura il dono dell’ubiquità: si smonta da un capolinea ma allo stesso orario si deve essere già in partenza da un altro.  Turni che con le giuste percorrenze e il rispetto della normativa sarebbero o fuori nastro o considerati spezzati  prevedendo quindi la corresponsione della diaria. Cinque minuti qua, cinque minuti là ed il gioco è fatto.
Ma chi vogliono prendere in giro? Oltre tutto lo stesso programma informatico utilizzato dall’Azienda per la progettazione dei turni evidenzia in rosso le percorrenze inadeguate o le parti di turno fuori normativa. Così i turni sembrano campi di battaglia! E a poco serve il fatto che poi siano stati fotocopiati in bianco e nero per nascondere tutte le magagne.
Sono anche state sensibilmente peggiorate le rotazioni, eliminati i sabato domenica di riposo attaccati che capitavano due volte all’anno ma che evidentemente davano fastidio a qualcuno. Sempre con la scusa di risparmiare ovviamente. Mentre invece le corse, si dice aggiunte per parenti ed amici, sono evidentemente gratis.
Di fronte alle rimostranze dei lavoratori, gli “aziendali” si producevano in citazioni più o meno maldestre del famigerato “CONTRATTO NAZIONALE”, ripetuto come un mantra, che prevede 52 riposi (come dire se ne fate 54 state già contenti!): ma noi non ne abbiamo 62?
Dopo aver presentato altre due o tre stesure (sempre fuori normativa) in un clima da quiz televisivo i lavoratori venivano messi di fronte alla scelta: prendere o lasciare.


NON LASCIAMOCI INTIMIDIRE DA QUESTI ULTIMATUM.
I TURNI VANNO RIGETTATI.
TROPPO A LUNGO HANNO CONTATO SU CHI “HA FAMIGLIA” ED HA PAURA DI RIBELLARSI.
ALTRO CHE PRENDERE O LASCIARE! LORO DEVONO PRENDERE E LASCIARE ATP!!


Genova, 09/09/2014.


CUB Trasporti Liguria- Confederazione Unitaria di Base
16121 Genova- Via alla Porta degli Archi 3/1
tel. e fax 0108622050 email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

FaceBook