Aderiamo allo sciopero per la sicurezza in ferrovia martedì 9 febbraio 2020, dalle 9.01 alle 16.59

Martedì 9 febbraio ci sarà uno sciopero nazionale di tutti i ferrovieri, proclamato da Orsa, dalle 9.01 alle 16.59, che ha come tema quello della sicurezza in ferrovia. Come Cub Trasporti abbiamo convintamente aderito allo sciopero, per i contenuti importantissimi della proclamazione, per la domanda di salute e sicurezza che trova sempre meno risposta: la sentenza di Cassazione dell'8 gennaio scorso sul disastro ferroviario di Viareggio del 29 giugno 2009, che ha causato una strage, con 32 morti e feriti gravissimi, ha decretato, insieme alla prescrizione dell'omicidio colposo, l'assoluzione delle Società tutte.

Ciò in conseguenza dell'esclusione dell'aggravante della violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro. Una sentenza quindi che parla al mondo del lavoro, ai ferrovieri tutti che, se non contrastata, legittimerà le aziende a continuare a trascurare e omettere quelle misure che rendono concreta la sicurezza di lavoratori, viaggiatori, cittadini.
Una “politica della sicurezza” -quella del Gruppo FS- che ha permesso, con il silenzio di ANSF e dello Stato, dopo Viareggio, nuovi incidenti mortali quali Corato, Pioltello, Caluso, Livraga; che ha determinato la catena di infortuni mortali o menomanti dei lavoratori delle ferrovie e delle ditte di appalto! L'ultimo è del 7 gennaio scorso, un lavoratore di una ditta di appalto è morto travolto da un carrello.
Noi ferrovieri non possiamo rimanere in silenzio. Dobbiamo fare la nostra parte per difendere sicurezza e salute, per la cancellazione dell' “obbligo di fedeltà all'azienda”, arma con cui vengono colpiti quei lavoratori, come Riccardo Antonini, si battono per la sicurezza collettiva, informando, denunciando, promuovendo iniziative.
Occorre fare la nostra parte perché tutte le norme del TU sulla sicurezza, Dlgs 81/2008, relative ai “luogo di lavoro”, siano applicate anche ai trasporti, comprese le ferrovie.

Dobbiamo organizzarci e lottare per condizioni e orari di lavoro migliori e dignitosi: l'organizzazione del lavoro è parte integrante della sicurezza del trasporto. Prepariamoci affinché i lavoratori abbiano voce in capitolo per il nuovo CCNL, scaduto da oltre 3 anni..
Scioperiamo per la sicurezza, per dar vita a un percorso che inverta questa tendenza che causa disastri, stragi e incidenti mortali.
Scioperiamo in solidarietà ai familiari delle vittime della strage di Viareggio, di tutte le stragi e di ogni morto sul lavoro Scioperiamo contro la sentenza della strage di Viareggio, che cancella l'aggravante della violazione delle norme relative alla sicurezza sul lavoro, manda in prescrizione l'omicidio colposo e assolve le Società e il sistema tutto


4 febbraio 2021

CUB Trasporti

Scarica comunicato in pdf

-------------------------------

La sentenza di Cassazione sulla strage Viareggio lascia totalmente insoddisfatta la domanda su salute e sicurezza nei luoghi di luoghi di lavoro, tanto più se si pensa ad una attività come quella ferroviaria che diramandosi per tutto il territorio nazionale ha portato morte e devastazione al di fuori del suo ristretto ambito di svolgimento di esercizio.


Allo stesso modo con cui la sentenza rescinde i fatti occorsi con la loro radice nelle lavorazioni e ne risulta del tutto deresponsabilizzato il soggetto dell’impresa come matrice (tanto virtuosa quanto nefasta) di effetti che impattano non solo nel ristretto ambito del luogo di lavoro, parimenti si rileva negli anni una costante chiusura imprenditoriale ferroviaria alle istanze poste dal lavoro a tutela della sicurezza del servizio ferroviario stesso.

Le politiche aziendali di impermeabilità alle richieste del lavoro, di riforma in tema di sicurezza, risultano perfino incoraggiate dalla non imputabilità scritta in sentenza che ne sigilla ulteriormente la chiusura: le aziende restano concentrate sul mero adempimento formale di una sicurezza tutta sulla carta bollata, cui raramente corrisponde quello sostanziale.


La lunga catena di infortuni, mortali o menomanti in modo permanente, che ad oggi non cessa in ferrovia come in altri settori ed ha chiuso un anno nero quale è stato il 2020, impongono un cambio di rotta che non è ottenibile solo per questa via. E tuttavia niente pare muoversi in tale direzione.


Da più parti il cammino ultradecennale del TU su salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e prima della 626/94 ha visto limitazioni di applicazione e disinnesco dei suoi potenziali di progressione nel percorso di civiltà e responsabilizzazione.

Cui si aggiunge di fatto anche la sentenza di Cassazione del 8 gennaio.
Solo il conflitto hanno in mano i lavoratori, peraltro da sempre agito, per vedere affermate loro istanze di conquista in salute e sicurezza. Che sono conquiste universali.
Ciò premesso, questa OS CUB trasporti aderisce alla proclamazione di sciopero di 8h (9.00-17.00) effettuata dalla OS Orsa per il giorno 9 febbraio 2021.

per la segreteria nazionale
CUB TRASPORTI


Antonio Amoroso

CUB Trasporti - Confederazione Unitaria di Base
Via Ponzio Cominio 56, 00175 Roma
Tel. 0676968412 - 0676960856 Fax 0676983007
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Roma, 28 gennaio 2021
spett.li


Presidenza del Consiglio dei Ministri
Ministero del Lavoro
Ministero dei Trasporti
Gruppo FSI
Trenitalia
RFI
Mercitalia Rail
Mercitalia Shunting e Terminal
Trenord
Tper
NTV Italo
Captrain
Compagnia Ferroviaria Italiana
DB Cargo Italia
SBB Cargo
GTS Rail
Fuorimuro
In Rail
Oceanogate
Crossrail
RTC Italia
Sistemi Territoriali
Interporto Servizi Cargo
Rail Cargo Carrier Italy
Osservatorio conflitti nei trasporti
Commissione di garanzia scioperi

Scarica la dichiarazione in pdf 

 

FaceBook