Vogliamo un piano di azzeramento degli stipendi arretrati.

Modica, 22 Maggio 2020

Oggi pomeriggio una quindicina tra lavoratrici e lavoratori della Servizi per Modica ha preso parte al flash-mob organizzato da CUB Trasporti davanti la sede del Municipio di Modica.
Il numero non deve impressionare: da tempo presso la SpM vige un clima di paura di esporsi e di disillusione rispetto alle possibilità che le giuste rivendicazioni dei dipendenti possano essere recepite. Si è trattato quindi di una sfida in primo luogo contro questa situazione difficile, una sfida fortemente voluta da un gruppo di lavoratrici e lavoratori che non intendono rinunciare ai propri diritti.

Come espresso chiaramente nello striscione esposto al centro del piazzale e nei vari cartelli, si richiede per prima cosa che venga definito un piano di pagamento degli stipendi arretrati che porti nel giro di qualche mese all’azzeramento dei debiti della Società verso le sue maestranze.
In secondo luogo si ritiene importante che ogni progetto che riguardi il futuro societario venga discusso preventivamente con le organizzazioni sindacali.

Per la mattinata di lunedì, afferma Pippo Gurrieri della Cub Trasporti, la Società ha convocato (dopo un anno e mezzo di silenzio!) i sindacati per discutere degli stipendi arretrati e della cassa integrazione (“Fis”) legata alla crisi da covid-19; è questo probabilmente un primo risultato dell’iniziativa intrapresa da CUB Trasporti, su sollecitazione di gruppi di lavoratori stanchi ma non rassegnati.
In seguito agli esiti della riunione di lunedì 25 verrà valutato se proseguire e incrementare la protesta iniziata oggi.


 

 

https://www.radiortm.it

FaceBook