Accessibile alle persone, saldamente sotto controllo pubblico, sostenibile socialmente ed ecologicamente per il Paese. Richiesta di Incontro e di intervento al Presidente del Consiglio, al ministro dei Trasporti e al ministro dell'Economia e delle Finanze.

Al Presidente del Consiglio On. Giuseppe CONTE
Pec - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Al Ministro delle Infrastrutture e Trasporti On. Danilo TONINELLI
Pec - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Al Ministro dell'Economia e delle Finanze On. Giovanni TRIA
Pec - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Roma, 18.4.2019

Oggetto: Richiesta di Incontro e di intervento
Egregi,
Premesso che:
- da anni il TPL è un settore dove si sta producendo un continuo dissesto economico per le aziende, minori servizi all'utenza, riduzione preoccupante dei livelli di sicurezza, dei salari e diritti dei lavoratori a seguito di una sostanziale e reiterata riduzione delle risorse messe nel Fondo Nazionale, con i cosiddetti “tagli lineari” iniziati nel 2010 e conseguenti penali, legate a rigidi parametri quantitativi e qualitativi del servizio offerto, senza che siano neppure valutati neppure la diversa morfologia e lo stato della dotazione infrastrutturale dei territori italiani;
- tali operazioni di riduzione dei finanziamenti sono tali da determinare una inopinata compromissione di un diritto costituzionalmente riconosciuto e tutelato, quale quello della mobilità, per nulla rispettato e strumentalmente evocato, dalla fine degli anni ’90 ad oggi, solo per coercire il diritto di sciopero;
- le politiche perseguite sino ad oggi sono basate sul contingente senza una prospettiva strutturale a medio e lungo termine ignorando, tra l'altro, l'importanza dei trasporti in un mondo dove il petrolio è una fonte in esaurimento e l'inquinamento è sempre più pesante;
- l'articolo 27 del DL 50/2017 aveva definito che il Fondo Nazionale Trasporti, a decorrere dal 2018, fosse pari a 4.932.554.000 euro, mentre per il 2019 lo stanziamento complessivo è risultato essere pari a 4.874.554.000 euro, con un taglio netto di 58 milioni di euro, destinato alla fiscalizzazione del bonus fiscale per la detrazione degli abbonamenti ai mezzi pubblici previsto dalla Legge di bilancio 2018;
- La legge 30 dicembre 2018, n. 145 (Legge di Bilancio 2019) ha previsto all'art. 1, comma 1118, un accantonamento di 300 milioni di euro che potranno essere resi disponibili, come previsto dal successivo comma 1119, solamente se, a seguito del monitoraggio previsto per il mese di luglio, gli andamenti dei conti pubblici per il 2019 avranno raggiunto gli obiettivi.
- Quindi, se confermato, questo taglio di 300 milioni di €, avrebbe un effetto dirompente per il sistema trasporti con gravi conseguenze per i servizi ai cittadini, per la tutela del lavoro dei dipendenti del settore e per la salvaguardia dell'ambiente e del benessere di cittadini.
Richiediamo:
un incontro urgente al fine di discutere della necessità di un intervento finalizzato ad evitare il verificarsi di quanto sopra enunciato, auspicando che si provveda affinchè il servizio di trasporto pubblico sia veramente accessibile alle persone, saldamente sotto controllo pubblico, nonchè sia finalmente perseguita la progettazione di un piano organico, che integri i vari settori legato alla sostenibilità sociale ed ecologica del Paese, per un vero rilancio del TRASPORTO PUBBLICO LOCALE.
Purtroppo, si nota, che nei provvedimenti annunciati
– decreto crescita e decreto sblocca cantieri
– ad oggi non risulta esserci traccia dei fondi che mancano (300 milioni per il TPL)
- Nel frattempo, tra le forze politiche sia di Governo che di opposizione, come pure tra le forze sindacali e datoriali si manifesta, si protesta e si preoccupano per realizzare, spendendo risorse pubbliche, un'opera obsoleta come il TAV (utilizzando e portando in manifestazione ed in sciopero in Piazza a Roma i lavoratori edili).
Resta comunque evidente che, in mancanza di risposte, se quanto rappresentato dovesse essere confermato, saremo costretti ad avviare ogni iniziativa necessaria per rivendicare le risorse necessarie per un trasporto pubblico sostenibile.
Anche per questo settore è giunto il momento di costruire un altro mondo possibile.

CUB-TRASPORTI
Confederazione Unitaria di Base
Via Ponzio Cominio, 56 – 00175 Roma
– 06.76968412 - Fax 06.76983007 pec- Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
SGB - SINDACATO GENERALE DI BASE
30173 Venezia - Via Camporese 118 93
041-5312250 – fax 0415314446 – pec - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

        Lettera-SGB-Cub-Trasporti-a-Conte-Tria-Toninelli.pdf

 

 

FaceBook