logo-FLMUnitiComunicato Stampa - venerdì 15 novembre 2013 sciopero contro Electrolux e la sua politica aziendale di dismissione di Solaro e delle altre fabbriche Italiane e per la Libertà sindacale.

BLOG delle RSU della FLMUniti-CUB della Electrolux di Solaro

Sciopero VENERDI' 15 novembre di tutti i lavoratori con il seguente orario:

- Primo turno: dalle ore 06.00 alle ore 12.00
- Secondo turno: dalle ore 12.00 alle ore 18.00
- Terzo turno: dalle ore 18.00 alle ore 00.00
- Giornata (con solidariet ): dalle ore 08.00 alle ore 14.00
- Personale senza solidariet e part-time e impiegati: per l'intera giornata
- Turni particolari in area stampaggio (senza solidariet ): per l'intera giornata
- Turni particolari in area stampaggio (con solidariet ): con inizio dello sciopero a inizio del turno di lavoro e con fine dello stesso dopo 6 ore.

Abbiamo ripetutamente invitato le altre organizzazioni sindacali ad iniziative di lotta unitarie contro Electrolux.
Nulla ci è stato chiesto.
Nulla ci è stato preventivamente comunicato.

Ciò nonostante, crediamo che in questo momento non si debbano creare divisioni tra i lavoratori, che alla fine favorirebbero solo la direzione aziendale.

Vorremmo però questa consapevolezza sia condivisa da tutti, anche per l'importanza della lotta in difesa di tutti i posti di lavoro di Solaro.

Solaro 14 novembre 2013

Flmu-cub

*****************************************

COMUNICATO STAMPA 14 11 2013

 

CUB – Confederazione Unitaria di Base

 

I LAVORATORI ELECTROLUX

 

IN SCIOPERO CONTRO LA CHIUSURA

 

I lavoratori della Electrolux si sono mobilitati con scioperi spontanei in tutti gli stabilimenti italiani, in reazione alla nota inviata dai sindacati presenti al Comitato Aziendale Europeo Electrolux (Cae), a Berlino, che ha fatto emergere la volont della multinazionale di spostare investimenti e produzioni nei paesi a basso costo, condannando a chiusura tutti gli stabilimenti italiani.

In relazione alle notizie giunte da Berlino, sono scattate iniziative di sciopero in tutti e quattro gli stabilimenti Electrolux presenti in Italia: Forlì (dove si producono forni e piani cottura), Porcia (Pordenone, lavatrici), Solaro (Milano, lavastoviglie) e Susegana (Treviso, frigoriferi); stabilimenti che danno lavoro a 6000 persone. Gli esuberi annunciati per il 2013 erano stati di 1.100 persone, a cui si prevedeva di aggiungerne altre 461 per il 2014\2015. Ma le notizie arrivate da Berlino fanno prevedere il peggio, e si teme che l'intenzione del gigante svedese dell'elettrodomestico sia di delocalizzare completamente la produzione dall'Italia chiudendo tutti e quattro gli stabilimenti.

A Solaro i lavoratori dalle 14:00 alle 18:00 di giovedì 14 novembre sono stati fuori dai cancelli bloccando i tir in entrata e in uscita, nello stabilimento di Susegana sono stati occupati pacificamente gli uffici di progettazione del reparto frigoriferi fino alle 17:00, a Forlì e a Porcia i lavoratori sono scesi in strada con una manifestazione spontanea.

 

Oggi, venerdì novembre 2013, la protesta continua con nuovi scioperi, a partire dallo stabilimento di Solaro.

 CUB – Confederazione Unitaria di Base

Ufficio Stampa
Silvia Eleonora Longo
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

FaceBook