Elezioni RSU Telecom CUBIn questi momenti si sente parlare con insistenza di RSU (Rappresentanze Sindacali Unitarie) e di rappresentanti dei lavoratori da eleggere. Bisogna ricordare che in realtà il mandato delle RSU è scaduto a fine giugno scorso e occorre sottolineare che nei mesi scorsi Cisl, Uil, Ugl e Snater hanno raggiunto con Telecom un accordo di proroga delle RSU (mentre la CUB non ha firmato alcun accordo di proroga delle RSU).

 Questo stato delle cose ha reso possibile che un coordinamento nazionale di rappresentanti sindacali RSU, scaduto ormai da molti mesi, ha deciso di far passare gli accordi sindacali del 27 ottobre 2015 su Solidarietà e Prepensionamenti.
Grandi responsabilità à a questo stato di cose sono attribuibili alle Organizzazioni Sindacali maggioritarie che non hanno provveduto a rieleggere per tempo i rappresentanti dei lavoratori.

Da alcuni giorni sono partite le procedure per le elezioni delle RSU/RLS che saranno regolamentate dall’accordo interconfederale del gennaio 2014 firmato da Confindustria e CGIL-CISL-UIL, e, successivamente anche da Ugl, Cisal, Snater, Cobas e Usb.

La CUB non ha aderito a questo accordo capestro sulla rappresentanza sindacale che in estrema sintesi prevede il congelamento di ogni azione di contrasto (di qualsiasi natura: scioperi, comunicati, manifestazioni, cause, ecc.) sia durante le fasi di trattativa sindacale (ad esempio contratto di settore o aziendale, orari, trasferimenti, PDR, esuberi, ecc.) sia dopo la firma di un contratto o di un accordo aziendale … pena la perdita di permessi sindacali e soprattutto sanzioni economiche al Sindacato e ai singoli rappresentanti RSU!!!

In buona sostanza non si potrà più fare una vera azione sindacale a tutela dei lavoratori.

La CUB ha scelto di non scambiare il mantenimento dei diritti del sindacato e delle RSU a discapito dei diritti dei lavoratori, diritti anche individuali come quello di sciopero.

Per questo come CUB siamo favorevoli alle elezioni RSU sulla base delle regole degli accordi precedenti (interconfederali del 1993) fatta salva la rinuncia alla riserva dell'1/3 dei rappresentanti non votati e consentendo la partecipazione a tutti i sindacati formalmente costituti. Invitiamo quindi le altre OO.SS. a non effettuare le prossime elezioni delle RSU sulla base dell’accordo capestro del gennaio 2014.

Dobbiamo inoltre evidenziare che, con l’obiettivo di abbassare i costi delle relazioni industriali, l'accordo sulle nuove RSU/RLS, firmato il 28 ottobre 2015 tra triplice confederale e Telecom, prevede una diminuzione del numero dei rappresentanti da eleggere.

In particolare una significativa riduzione di RLS (specie in alcune unità produttive), situazione che potrebbe limitare l'azione di tutela della salute e sicurezza tra i lavoratori Telecom: va aumentato il numero di RLS.

Novembre 2015

FLMUniti-CUB Telecom


seguici su Facebook: cerca CUBTELECOM

 

 

FaceBook