La CUB sciopera contro l’aumento dei ritmi, dei carichi di lavoro e dello stress, che sono la causa degli incidenti sul lavoro. Per la salute e la sicurezza.

La CUB sciopera contro i salari da fame, gli straordinari, le mille forme di flessibilità e di ricatto sui posti di lavoro.
Per l’aumento dei salari e delle pensioni. Via la legge Fornero che ci condanna al lavoro forzato tutta la vita!

La CUB sciopera contro il monopolio regalato a cgil-cisl-uil. Per una rappresentanza sindacale libera, democratica e per la difesa del diritto di sciopero.
La CUB sciopera contro il jobs act e la precarizzazione del lavoro, contro le discriminazioni e le disuguaglianze economiche, di genere, sociali.
La CUB sciopera per investimenti sull’occupazione, sull’ambiente, sulla sicurezza e sulla tecnologia, per il diritto alla salute, al lavoro, alla casa, alla scuola.

26 ottobre 2018

          Scarica il comunicato in formato pdf

 

 

FaceBook