DECINE DI MIGLIAIA DI PERSONE HANNO MANIFESTATO IN 25 CITTA ITALIANE RISPONDENDO ALL'APPELLO PER LO SCIOPERO LANCIATO DALLA CUB, DAI SINDACATI DI BASE DAI MOVIMENTI SOCIALI E DAL MOVIMENTO DEGLI STUDENTI.
LO SCIOPERO DEL TRASPORTO FERROVIARIO HA AVUTO UN'ADESIONE ALTISSIMA OLTRE IL 50% E MESSO IN SERIA DIFFICOLTA' LE FS.



A Milano la manifestazione ha visto la partecipazione di oltre 10.000 persone ed è stata animata da Flash Mob contro il governo, i banchieri e i padroni. Petardi contro la borsa cariche agli studenti.
Anche a Roma la manifestazione ha visto una forte partecipazione di 10.000 persone e è stata caratterizzata da presidi in varie zone della citta, anche  Napoli,  Palermo, Torino e Firenze sono state attraversate da cortei colorati e variopinti.

Jobs act = Bad jobs
Piano per il lavoro ovvero lavori inesistenti,  scadenti
La politica economica del governo Renzi è un incubo per lavoratori, disoccupati e pensionati e un sogno realizzato per il  padronato.

Milano 14.11.2014

Per info: Montagnoli 333.3013511 Trifiletti 338.4713789
CUB - Confederazione Unitaria di Base
Sede Nazionale Milano: V.le Lombardia 20
- tel. 02/70631804
e mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.cub.it – www.cubvideo.it

 

********************************************************************

 

 Gli 80 Renzini. GUARDA IL FILMATO DELLA MANIFESTAZIONE DI MILANO da: 
  "ilfattoquotidiano.it"

 

********************************************************************

 

{besps}2014-11-14_sciopero-generale{/besps}

 

{besps}14-11-14_sciopero-generale_citta-varie{/besps}


************************************************************

 

 

 


TORINO

Il corteo dei lavoratori e degli studenti in sciopero che si è svolto oggi a trino ha visto una presenza numerosa e vivace.
Hanno sfilato i lavoratori e le lavoratrici aderenti ai sindacati di base ma anche i comitati a difesa dell'acqua pubblica, i comitati NO TAV, gruppi di lavoratori di diverse aziende con propri striscioni. In particolare erano presenti lavoratori della FIAT, di Comdata, di Auchan, delle cooperative sociali, insegnanti, postali, ospedalieri.
Sciopero generale e sciopero sociale, incontro fra diverse generazioni di lavoratori, fra lavoratori con posto fisso e precari, fra dipendenti e autonomi, fra sindacati di base e movimenti dei cittadini in difesa dell'ambiente e dei beni comuni.

La CUB Piemonte considera il successo dello sciopero e della manifestazione di oggi uno stimolo nella mobilitazione contro il Job Act, per i salario, la difesa del welfare e per la libertà sindacale e sociale.

Per la CUB Piemonte
Il Coordinatore Regionale
Stefano Capello
per info 3298998546

***********************************************************
FIRENZE

-- il 14 novembre si è svolta a Firenze, in occasione dello sciopero, una manifestazione indetta dalla CUB, dai COBAS e dall'USI a cui hanno aderito vari collettivi studenteschi e numerose associazioni fiorentine impegnate nelle lotte su i diritti sociali. Una manifestazione ben riuscita, erano anni che non si vedeva una manifestazione del sindacalismo di base così numerosa,  circa 3000 partecipanti . il corteo del sindacalismo è partito da pz. Puccini e quello degli studenti da pz. San Marco per poi confluire nel corteo sindacale. I due cortei uniti hanno attraversato tutta la città in modo vivace ma pacifico un corteo che si è fatto vedere e sentire.

*********************************************************************

PALERMO

COMUNICATO STAMPA
Oggi a Palermo in occasione dello sciopero generale nazionale del lavoro privato e pubblico indetto dalla confederazione COBAS, la CUB e altri sindacati di base hanno manifestato a Palermo migliaia di lavoratori, precari, disoccupati, senza casa e studenti (in totale 2500 secondo la Questura,. più di 5000 per gli organizzatori). Un nutrito corteo è partito da piazza Politeama e percorrendo le vie del centro storico ha raggiunto piazza Indipendenza, sede del Governo Regionale, dove si è tenuto un presidio di massa. In piazza i lavoratori organizzati dai COBAS, dal sindacato ALBA, dalla CUB, dal sindacato ORSA, dall'USB. Delegazioni sono giunte in pullman anche da Catania, Caltanissetta, Messina e Ragusa.
Numerosa la delegazione dei lavoratori della Formazione Professionale, presente una numerosa delegazione di autoferrotranvieri dell'AMAT e dell'AST. della RAP. I lavoratori della scuola hanno manifestato nel secondo sciopero di quest'anno (dopo il 10 ottobre) contro la “cattiva” scuola di Renzi. Numerosi i lavoratori del Pubblico Impiego che hanno il contratto bloccato da 5 anni. I ferrovieri in piazza anche contro la legge Fornero che li costringe a restare sui treni fino a 66 anni. Particolare attenzione hanno attirato i lavoratori GESIP che saranno in 1600 definitivamente licenziati il 31 dicembre. In piazza anche la sanità e il 118 che sono sottoposti ad un continuo attacco dal governo Renzi e Crocetta. Gli studenti e i Centri Sociali hanno portato in piazza la contrarietà al progetto Renzi/Giannini sulla “Buona Scuola”. Il movimento NoMuos è stato presente con le sue bandiere per dire no agli strumenti di morte e di guerra nel territorio siciliano.
Oggi una bella giornata che segna una tappa significativa nell'aggregazione di un fronte del lavoro e sociale che si oppone alle politiche monetariste e di devastazione sociale dell'Unione Europea, del Governo Renzi e del Governatore Crocetta. Quindi oggi una tappa per estendere e organizzare la nostra contrarietà, per rivendicare lavoro, reddito e diritti.
NO AL JOBS ACT, NO ALLA CATTIVA SCUOLA DI RENZI, NO AL DECRETO LUPI
BASTA SACRIFICI, LAVORO, REDDITO, CASA, SCUOLA, SANITA', DIRITTI PER TUTTI

Per i cobas Renato Franzitta
per Alba/CUB Maurizio Bongiovanni

PALERMO 14 NOVEMBRE 2014

 

*********************************************************************


CALTANISETTA

Il coordinamento dei lavoratori in lotta del Centro di Pian del lago iscritti alla Flaica Cub Caltanissetta ha partecipato compatto alla giornata di sciopero del 14 novembre, con i conseguenti disagi che sono derivati all'azienda: per fare solo un esempio, i vigilanti notturni che avevano iniziato il turno alle dieci di sera, a mezzanotte hanno incrociato le braccia e lasciato il posto di lavoro, mentre gli addetti alla mensa che avrebbero dovuto prendere servizio alle ore otto del mattino hanno lasciato praticamente scoperto il servizio, essendo quel giorno i nostri iscritti tutti in turno e tutti in sciopero!
Alla manifestazione a Palermo i lavoratori nisseni in lotta hanno portato con orgoglio, coraggio e determinazione non solo il loro striscione ma anche le loro rivendicazioni, urlate con forza, soprattutto una volta giunti davanti alla sede della regione siciliana, ovviamente blindata e presidiata dai poliziotti in tenuta antisommossa. Riteniamo questa esperienza di giorno 14 un grande successo, anche perché si è trattato per tutti loro del "battesimo della piazza".
Nessuno dei sindacati collaborativi negli ultimi 25 anni aveva mai avuto la volontà di unirli contro la prepotenza dei padroni e di indicargli la strada della lotta.
E adesso si va avanti.
Conny Fasciana

 

**********************************************************************

 VICENZA

Gli operai tirano gli orecchi al fantoccio "Renzi"
Partecipato oltre ogni aspettativa oggi lo sciopero indetto dalla CUB e dal sindacalismo di base. La città di Milano è rimasta bloccata per ore dal corteo dei manifestanti, dei lavoratori, dal corteo dei metalmeccanici Fiom CGIL e dagli studenti. L'adesione allo sciopero è stata molto elevata: il 60% dei treni è rimasto fermo, cancellate decine di voli a Malpensa e nei principali areoporti italiani grazie allo sciopero proclamato dalla CUB Trasporti. Tante le manifestazioni in tutta Italia: a Torino, Firenze, Napoli, Palermo e  nelle principali città d'Italia, tutte sotto lo slogan NO allo Jobs Act, No alle politiche di Auterity dell' Unione Europea, a difesa dei diritti dei lavoratori e dell'art.18. La mobilitazione unitaria delle principali sigle del sindacalismo di base è stata premiata dalla forte presenza di lavoratori, precari, disoccupati e studenti alla manifestazione a Milano e nelle altre città, mobilitazione che deve continuare anche nelle prossime settimane e che deve far cessare lo scempio perpretato da questo governo ai danni dei lavoratori e dei ceti sociali più deboli.

CUB Vicenza Via Napoli 62 - telefono 0444 546725

cell. 340.9240822

 

 

FaceBook