EUROMAYDAY 2009 - PER TUTTI/E E UN'UNICA SICUREZZA REDDITO-DIRITTI-CONFLITTI Lasciamo precipitare la navicella liberista, combattiamo lo stato securitario, conquistiamo un nuovo welfare, universale, metropolitano. Rivendichiamo diritti sul lavoro e oltre il lavoro, cittadinanza per i migranti, scuola e sanità pubbliche e di qualità, trasporti gratis, conoscenza e formazione libere e condivise, no cie. Non pagheremo la vostra crisi (prendi il manifesto)

 

Prendi il manifesto della 9° edizione della EUROMAYADAY 2009 (1.211Kb) .pdf

Prendi il volantino pronto per la stampa .zip

MILANO Porta Ticinese ore 15,00

PER TUTTI/E E UN'UNICA SICUREZZA
REDDITO-DIRITTI-CONFLITTI

Lasciamo precipitare la navicella liberista, combattiamo lo stato securitario,
conquistiamo un nuovo welfare, universale, metropolitano.

Rivendichiamo diritti sul lavoro e oltre il lavoro, cittadinanza per i
migranti, scuola e sanità pubbliche e di qualità, trasporti gratis,
conoscenza e formazione libere e condivise, no cie.
Non pagheremo la vostra crisi

*********************************************************************************

L'Europa si solleva contro il neoliberismo e i suoi disastri.
Abbandonare la nave liberista che affonda e uscire dalla crisi con nuovi diritti!
La sicurezza che vogliamo si chiama reddito sicuro, diritti sul lavoro e oltre il lavoro, cittadinanza per i migranti, scuola e sanità pubbliche e di qualità, trasporti gratis, conoscenza e formazione libere e condivise.
In questo 2009 scorgiamo sempre più precarietà, vessazioni contro i migranti, paura del futuro e annullamento delle speranze. Eppure il consenso dei sudditi nei confronti dell'imperatore aumenta. Infatti la crisi viene vissuta come un elemento alieno: in quanto lavoratori, precari e migranti non contiamo niente, nel bene e nel male, nell'economia globalizzata.
La Cub considera le risposte fornite un abile modo di non toccare i veri problemi sollevati dalla crisi. Il governo, con il consenso di cisl, uil e ugl, ridimensiona ancor più il contratto nazionale, limita il diritto di sciopero; le imprese ristrutturano e precarizzano, licenziano e non rinnovano i contratti precari, non investono ma cercano solo disperatamente di salvare i profitti. Il centrodestra propone meno diritti e qualche aggiustamento degli ammortizzatori sociali; il centrosinistra, ne propone l'allargamento.
Nessuno vuole affrontare la redistribuzione del lavoro e del reddito; gli ammortizzatori sociali si applicheranno solo a una piccola parte di lavoratori, servono più alla propaganda confindustriale che ai precari.
Dalle strade di Roma, Milano e Palermo la Mayday lancerà un percorso di analisi, di agitazione, di critica a un modello di sviluppo insostenibile.
La Cub ritiene che precari e precarie, nativi o migranti, vivano  tutti i giorni la precarietà sulla loro pelle e che. abbiamo il diritto di dire che cosa rivendicano.
Vogliono un welfare che sposta i diritti dal contratto verso la persona, che garantisce continuità di reddito anche quando non si lavora, che permette loro di rifiutare i lavori a più alto tasso di sfruttamento. Ma non chiedono solo reddito, diritti e cittadinanza. Vogliono anche riprendersi i beni comuni: conoscenza, formazione, informazione, mobilità, casa, socialità, spazi pubblici.
Siamo dalla parte della rete Mayday dell'Aquila che ha partecipato per tanti anni alle iniziative e ora sta lottando per una ricostruzione trasparente, partecipata, dal basso.

Primo maggio 2009
Milano, Porta Ticinese ore 15,00

Milano, percorso della manifestazione:
Piazza XXIV Maggio - Porta Ticinese (partenza), Corso di Porta Ticinese, via DeAmicis, piazza Resistenza Partigiana, via C. Correnti, via Torino, piazza Duomo, via Orefici, piazza Cordusio, via Broletto, via Ponte Vetero, via Mercato, via Tivoli, Lanza, piazza Castello (arrivo).

 

Palermo, Roma, Berlino, Brema, Den Bosch, Gent, Gornja Radgona, Amburgo, Hanau, Helsinki, Liegi, Lisbona, Malaga, Porto, Terrassa, Tubingen, Vienna.

Mayday: make them pay!

Milano 22 04 2009

CUB-Confederazione Unitaria di Base
- Sede Nazionale: Milano Viale Lombardia 20 
- tel.02 70631804 fax. 02 70602409
- e mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 *********************************************************************************************************

 




 

FaceBook