VOGLIE DI CONFLITTO PRECARIO 
1° Incontro Subnazionale fra movimento precari+cognitarie e sindacalismo di base dati, analisi, bisogni, rivendicazioni, campagne, diritti, interconnessioni, reti, servizi, e la conflittualità del precariato prima e dopo EURO MAYDAY 004 


Mattina:
1 - Tanti precari, una sola precarietà: dati e analisi sui 7 milioni di precari made in Italy
2 -  Per una Magna Charta dei diritti di precari, intermittenti e cognitari di €urolandia 
Pomeriggio:
3 - Ma il sindacalismo di base cosa fa per difendere precarie e cognitari? E il movimento dei movimenti?
4 - La moltiplicazione degli sportelli precari: facciamo una rete che, insieme ai conflitti, riesca a congiungere servizi e vertenzialità nelle città? 
sabato 17 aprile 004
SALA ANPI
via Mascagni 6, Milano
ore 9,00 – ore 17,00  
Partecipano fra gli altri:
CUB, Precog, ChainWorkers, Cobas, Sin.Cobas, USI ecc. ecc.     
Panini e bicchieri di vino partigiani a pranzo.
.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-..-.-.-.-.-.-.-.
Come è già è stato annunciato nelle assemblee nazionali in preparazione della EuroMayDay 2004, si vuole indire per il sabato 17 aprile a Milano,  un incontro aperto e senza pregiudiziali sul tema del lavoro precario/cognitario, l’analisi delle soggettività in gioco, i bisogni e le esigenze, variegate e diverse, de* precar* e cognitar*  e per avviare una prima discussione sugli strumenti di agitazione sindacale e sociali che consentano di raggiungere dei risultati concreti, insomma per cominciare a “vincere”. 
L’incontro è aperto a tutte le realtà di movimento e sindacali che si riconoscono nei principi che stanno alla base dell’organizzazione della EuroMayDay2004, ovvero, in estrema sintesi: respiro europeo della condizione di precarietà, centralità del conflitto (e quindi rifiuto di qualsivoglia pratica di concertazione, politica dei redditi, ecc.), subvertising mediatico-conflittuale, creatività delle forme di lotta e rottura degli schemi tradizionali della rappresentanza verticale.
L’idea di questo incontro nasce da una semplice constatazione, maturata durante la gloriosa vertenza degli autoferrotranviari, che ha visto a Milano una radicalità elevata e un consenso della cittadinanza insperato. Tale vertenza ha posto in risalto, però, alcuni nodi contradditori, che ci piacerebbe indagare, su scala più ampia: da un lato, la difficoltà di tradurre una vertenza sacrosanta sulle condizioni di lavoro, orario e salario della categoria in una vertenza sociale e metropolitana che ponesse al centro la questione del servizio pubblico dei trasporti come diritto sociale primario (al pari del redito, della casa, della salute, del sapere, ecc.), dall’altro la discesa in campo di segmenti precari del lavoro, a cui si è cercato di dare risposta in modo assolutamente parziale tramite la firma di accordi aziendali locali (per di più non estesi a livello nazionale). 
Proprio partendo da questa realtà paradigmatica, ci piacerebbe in questo incontro approfondire:
le diverse realtà del lavoro precario e cognitario: dalle forme di precariato “fordista” tipico di alcuni servizi pubblici e/o pra-pubblici (es. poste e trasporto) e privati (call-center, grande catene commerciali, ad esempio) alle forme più differenziate e segmentate, in cui opera una sorta di divisione del lavoro basato sulla conoscenza (ricerca pubblica – università e Istat – e privata, editoria e comunicazione, ecc.), alle forme più tradizionali del lavoro nero e semi-illegali (edilizia, subappalti, condizione dei migranti, al lavoro dipendente atipico dell’industria. 
la Possibilità à di iniziare a individuare bisogni e esigenze comuni della soggettività del lavoro precario e cognitario, come base per la costruzione di una “MagnaCharta” del precario/cognitario che sia un potenziale fattore di ricomposizione delle soggettività oggi frammentate; 
la discussione e la proposizione di strumenti zincali e vertenziali innovativi per sviluppare capacità conflittuale e sviluppo della coscienza della propria condizione, sia tramite l’uso di nuovi strumenti comunicativi-relazionali, sia tramite una ramificazione nel territorio di centri e punti di offerta di servizi, informazione, sostegno (legale e non), il più possibile coordinato e reticolare. 
Dal momento che nessuno ha la bacchetta magica o la formula risolutiva per eccellenza, il fine ultimo di questo incontro è di affrontare la questione di come coniugare la vertenza e la conflittualità sul luogo di lavoro o a livello di categoria (sempre più insorgente) con una capacità conflittuale e vertenziale a livello di territorio, che sia elemento di ricomposizione sociale delle diverse soggettività precarie e cognitarie messe al lavoro ed espropriate della propria creatività e capacità (oltre che del reddito e del tempo di vita, c’a va sens dire!). 
A tal fine, riteniamo che l’incontro tra organizzazioni sindacali di base e spezzoni del movimento possa essere un momento sinergico utile e complementare per avviare un processo politico e sociale, autorganizzato, in grado di imprimere una svolta importante sulle questioni del lavoro, del reddito, delle tutele del lavoro e di vita. 
Proponiamo ora una griglia (scaletta indicativa) di massima dell’incontro, suscettibili di cambiamenti e modifiche, sulla base delle proposte e degli interventi: 
Inizio h. 10.00 
h. 10.15 – 11.15: 
Due o tre interventi (non più di 10-15 minuti, l’uno) che facciano un po’ il quadro delle dinamiche del lavoro precario e cognitario negli ultimi anni, alla luce dei cambiamenti legislativi (pacchetto Tre e Legge 30) e socio-economici con eventuale breve discussione. 
h. 11.15 - 13.30:
Quattro – cinque interventi (sempre di 10-15 minuti massimo) che affrontino il tema di definire le esigenze, i bisogni, le speranze (o la disillusione) dei diversi lavori precari/cognitari: dalla condizione nelle catene, ai call center, al mondo della comunicazione (editoria e media), ricerca, al lavoro atipico dell’industria, dell’edilizia, ecc. Lo scopo di questa discussione sarebbe quella di delineare un primo abbozzo di quella che abbiamo chiamato MagnaCharta del precog.
Segue discussione.
h. 13.30-15.00: pausa pranzo 
h. 15.00- 17.30:
Interventi e discussione sulle pratiche sindacali e sociali, sugli strumenti, strategie da proporre o da riaffermare al fine di conseguire risultati concreti nelle vertenze del lavoro e territoriali, sul come coniugare i due momenti, quali rapporti sviluppare con la controparte padronale e metropolitana, idee e Possibilità à di sviluppare una rete di sportelli e di servizi per i precog, importanza o meno di fare campagne di tipo legislativo-istituzionali, come opporsi alla Legge 30, l’aspetto della rappresentanza e dell’autorganizzazione …….. 
h. 17.30-18.00 
Titanico tentativo di sintesi e di ricavare qualche indicazione per prossime iniziative e per continuare la discussione post EuroMayDay2004
Come vedete, di carne al fuoco ce ne tanta, forse troppa: sarebbe già un risultato, sviluppare una discussione pacata, seria e utile.
I tre momenti di discussioni rimandano ai tre punti citati in precedenza. E’ per comodità che i tre momenti sono separati fra loro, ma è chiaro che vi una forte interdipendenza, anche se non totale. Il filo logico è infatti è: discussione della situazione, quindi dei fattori di ricomposizione, quindi come giostrarli e renderli operativi. Un nostro suggerimento sarebbe quello che i primi due momenti di discussione più di analisi fossero condotti da chi non riveste ruoli di primo piano nei sindacati di base, sia per continuare nello spirito MayDay (sono i soggetti che parlano, non le organizzazioni), sia perché i vari sindacati di base avranno modo di intervenire nel pomeriggio sulle questioni specifiche sollevate, in modo produttivo, evitando passerelle e sterili discussioni al loro interno.
Milano aprile 2004

FaceBook