Difendere il diritto dei deboli a non essere d'accordo ea lottare per il cambiamento. La Cub partecipa alla giornata di mobilitazione in difesa di tutte le lotte territoriali insieme ai movimenti e alle organizzazioni che si oppongono al debito, al cemento e alla precarietà.

 

TG R del 22-FEB-2014 ore 1930

http://www.youtube.com/watch?v=IBX7O4cG5J4

TG 1 del 22-FEB-2014 ore 2000

INTERVISTE A NOTAV DI TORINO

http://www.youtube.com/watch?v=R3ixBjkwN94

TG 2 del 22-FEB-2014 ore 2030

http://www.youtube.com/watch?v=Pm10djvCwQQ

TG 3 del 22-FEB-2014 ore 1900

http://www.youtube.com/watch?v=1RPoMAcrVws

 

In Val Susa sono imputate e indagate migliaia di persone per resistenza contro un'opera imposta, inutile e devastante sia per l'ambiente sia per le finanze di questo Stato e che impedisce di fare tutte le altre piccole opere utili.
A Milano l'Expo simbolo dello sperpero e della cementificazione del suolo. È un'opera e un evento che brucia oltre 10 miliardi e altri 89 milioni di euro, per la Via d'Acqua ed solo un castello di carta. Un'opera per un evento di sei mesi rappresenta il massimo dello sperpero e della spettacolarizzazione degli eventi.
Quanto succede in Piemonte e in Lombardia coinvolge in modo diretto chi da anni lotta anche contro  la crisi in difesa del diritto al lavoro, al reddito e allo stato sociale per due ordini di motivi.
Il primo riguarda l'uso dissennato delle risorse sempre pi utilizzate per grandi opere inutili e sottratte ad un uso pi diretto ed immediato alla salvaguardia e manutenzione del territorio contro il dissesto idrogeologico, il rischio sismico, la bonifica dei territori inquinati e la difesa dell'occupazione. Non c'è mai un euro se si tratta di difendere le condizioni di vita dei ceti popolari ma con facilità si trovano miliardi se si tratta di progetti di grande impatto ma di poca utilit.
Il secondo riguarda il salto di qualità che sta facendo la repressione delle lotte dei ceti popolari e la dimostrazione di come il potere si prepara ad affrontare con durezza lo scontro che si dovesse aprire nel paese.
CUB condivide il giudizio di quanti sostengono che si stia sperimentando un modello da poter applicare in futuro ad altre forme di dissenso reale.
Dissenso reale che non difficile immaginare in una fase di profonda crisi economica che massacra le condizioni di vita di milioni di famiglie.
Milioni di disoccupati, di inattivi, di precari, una caduta verticale dei redditi e dei consumi frutto dell'austerit non potranno che mettere in campo un alto livello di lotte per raffermare il diritto al lavoro, al reddito ed allo stato sociale. 

Il diritto alla lotta per cambiare la società non pu essere sequestrato ed impedito Perché rappresenta l'essenza della democrazia

Contro l'accusa di terrorismo e contro la criminalizzazione di chi lotta – In solidariet con tutti i NO TAV imputati e indagati.    

 

CONCENTRAMENTO ORE 14,30 PIAZZA XXV APRILE -- SABATO 22 FEBBRAIO

Milano 19 febbraio 2014

Confederazione Unitaria di Base
Milano: V.le Lombardia 27
tel. 02/70631804 fax 02/70602409

 

www.cub.it - e mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

FaceBook