Licenziamoli occupyamo piazza affari 31%2F03%2F2012Occupyamo Piazza Affari! Contro le politiche antisociali del governo e della Bce. I LORO AFFARI NON DEVONO PIU' DECIDERE SULLE NOSTRE VITE. PER UNA societàA' FONDATA SUI DIRITTI CIVILI E SOCIALI, SUL PUBBLICO, SULL'AMBIENTE E SUI BENI COMUNI.MILANO - Il comitato promotore “occupyamo Piazza Affari” organizza una manifestazione con presidio GIOVEDI' 22 marzo alle ore 17,00 P.zza S. Babila alle ore 17,00.


Per dare una prima risposta alle misure scellerate proposte dal governo
Il comitato promotore “occupyamo Piazza Affari”
organizza una
manifestazione con presidio
GIOVEDI' 22 marzo a Milano P.zza S.Babila alle ore 17,00

PRENDI IL NUOVO VOLANTINO DA DISTRIBUIRE .zip

PRENDI IL MANIFESTO DA STAMPARE IN FORMATO .pdf

 

Manifesto Occupyamo P.zza Affari 31%2F03%2F2012

Occupyamo Piazza Affari!
Contro le politiche antisociali del governo e della Bce


Il 31 marzo tutte e tutti in piazza a Milano:
Corteo da P.zza Medaglie D’oro ore 14  (MM3 Porta Romana)
Occupyamo Piazza Affari. Costruiamo il nostro futuro

I loro affari non devono più decidere sulle nostre vite. Per una societàà fondata sui diritti civili e sociali, sul pubblico, sull’ambiente e sui beni comuni.

Misure “lacrime e sangue” sono la ricetta del governo delle banche e della finanza che, con il sostegno del centro-destra e del centro-sinistra, è ormai in carica da oltre tre mesi. Il massacro sociale del governo Monti dilagherà se verrà applicato il trattato europeo deciso dai governi Merkel, Sarkozy e Monti. Ora vogliono cambiare la Costituzione, senza consultare i cittadini e imponendo il pareggio di bilancio. Ora vogliono imporre un trattato, il fiscal compact, che impone la schiavitù del debito per vent’anni. Per vent’anni dovremo sacrificare i diritti sociali e quelli delle lavoratrici e dei lavoratori, per pagare il debito agli stessi affaristi e speculatori che l’hanno creato.

Una crisi del sistema capitalista da cui le classi dominanti non riescono ad uscire. L’individuazione di “medici” come Monti in Italia o Papademos in Grecia, che in realtà non fanno che aggravare la malattia scaricando sui lavoratori e sulle classi popolari il peso della iniqua distribuzione del reddito con il conseguente peggioramento delle condizioni di vita e l’eliminazione di diritti conquistati con anni di lotte. Per questo diciamo NO alla precarietà e alla messa in discussione dell’articolo 18, alla distruzione dello stato sociale, dei diritti, della civiltà e della democrazia. Per questo diciamo NO alla distruzione dell’ambiente, alle grandi opere, alla Tav.

Negazione della democrazia e repressione sono gli strumenti con cui le classi dominanti stanno cercando di fermare e dividere il movimento popolare che va opponendosi al dilagare della precarizzazione e della disoccupazione di massa: lo abbiamo visto in questi giorni in Val di Susa, ma anche contro molte lotte operaie e di resistenza sociale.

Chiediamo ai giovani e alle donne, alle lavoratrici e ai lavoratori, ai precari, ai pensionati e ai migranti, ai movimenti civili, sociali e ambientali, di organizzare insieme una risposta a tutto questo con una grande manifestazione nazionale a Milano il prossimo 31 marzo

Unire le lotte per un'opposizione sociale e politica di massa, capace di incidere, dal territorio, alla scuola e all’università, alle lotte per il lavoro: dalla Argol di Fiumicino alla Wagon-Lits di Milano, alla Alcoa di Portovesme, alla Fincantieri, alla Esselunga, alla Fiat e alle lotte dei migranti. Vogliamo manifestare assieme a tutti i popoli europei, schiacciati dalle politiche di austerità e dal liberismo, in particolare al popolo greco, sottomesso ad una tirannide finanziaria che sta distruggendo il paese.

Vogliamo
un diverso modello sociale ed economico in Italia e in Europa, fondato sul pubblico, sull’ambiente e sui beni comuni, per riconvertire il sistema industriale con tecnologie e innovazione, per la pace e contro la guerra, per lo sviluppo della ricerca sostenendo scuola pubblica e università, per garantire il diritto a sanità, servizi sociali e reddito per tutti, lavoro dignitoso, libertà e democrazia.

Il 31 marzo tutte e tutti in piazza a Milano:
manifestazione nazionale a Piazza Affari
Occupyamo Piazza Affari. Costruiamo il nostro futuro

 

*************************************************************************

 Licenziamoli occupyamo piazza affari 31%2F03%2F2012

 

*************************************************************************

 SCARICA IL MANIFASTO IN FORMATO .pdf

 

 

 

FaceBook