Dopo il presidio svoltosi stamattina in piazza di Montecitorio, il Segretario Generale della CUB, Marcelo Amendola, ha incontrato il Ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo.

Interventi durente il presidio di Roma: Nicoletta Lagioia segretaria Flaica CUB Roma  

Marcelo Amendola  Segretario Generale  CUB

 

Durante l’ incontro al Ministero, presenti anche il sottosegretario al MdL, Stanislao Di Piazza e la deputata Teresa Manzo, sono emerse le persistenti difficoltà economiche (già note) che non garantiscono le coperture tali a sostenere l’intero indotto del Turismo.
Purtroppo, ancora una volta, non si riesce a guardare il bicchiere mezzo pieno, ma secondo il nostro parere solo vuoto. Sono ancora molti i lavoratori  che non hanno ancora percepito un solo euro dagli ammortizzatori sociali.
Noi, come organizzazione sindacale, molto rappresentativa nel settore, non ci stiamo risparmiando nel far sentire tutto il malcontento che oramai affligge ogni uomo, ogni donna che da sempre ha garantito il servizio turistico su tutto il territorio nazionale (isole comprese).
Dal Ministro Catalfo vi è stata data garanzia sulla probabile proroga per gli ammortizzatori sociali e soprattutto, lo slittamento riguardo il divieto di licenziare fino ad oggi al 31 agosto.

Avremmo voluto ricevere  risposte certe e rassicuranti  ma, per adesso, tutto rimane un’incognita…
Proprio per questo non bisogna mollare nella lotta ma bisogna farsi sentire nelle piazze e proprio per questo è necessaria la partecipazione di tutte/i  lavoratori e le lavoratrici coinvolti in questa crisi.

Noi non ci fermeremo!

Roma, 08 luglio 2020

Foto CUB della manifestazione di Roma mercoledì 8 luglio 2020

 

 

intervista TV TeleIschia a Marcelo Amendola del 5 luglio 2020

 


Al presidio avvenuto stamattina, hanno partecipato i lavoratori appartenenti a tutte le categorie del settore: le Guide Turistiche, gli stagionali aeroportuali e marittimi, i lavoratori del Ncc, le lavoratrici delle mense scolastiche, le commesse, così come i lavoratori stagionali di Napoli, Sorrento, Amalfi, Ischia e Capri.

Una delegazione di tutte queste categorie e territori, ha incontrato l’assessore Regionale al Turismo della Regione Campania Corrado Matera, il quale si è dichiarato favorevole a rendersi portatore dell’istanza dei lavoratori per organizzare un tavolo tecnico con gli latri assessori regionali per lavorare ad una proposta comune di ammortizzatore sociale che vada oltre a quello che oggi prevede la Naspi.
Abbiamo dichiarato con forza che:” la dignità dei lavoratori non può essere quantificata con un bonus“.
Abbiamo bisogno di garanzie certe per il futuro.
Abbiamo ribadito che il futuro del turismo in Regione Campania come in Italia deve avere al centro del progetto: il reddito dei lavoratori dell’indotto del Turismo garantito da un ammortizzatore sociale universale per tutti, che dia certezze.

Nell’attesa della convocazione, abbiamo confermato la nostra decisione di essere a Roma il giorno 8 luglio davanti a Montecitorio a manifestare per richiedere il diritto ad un lavoro dignitoso.

Napoli 23 giugno 2020

 

Evento FB 

 

 

 
 
 

 
 
 
 
 
 
  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
FaceBook