Il 18 febbraio 2004 è stata arrestata a Bogotà (Colombia) Luz Perly Cordoba, responsabile dei diritti umani della Federazione Nazionale Sindacale Unitaria Agraria FENSUAGRO-CUT. La CUB (Confederazione Unitaria di Base) manifesta tutta la propria solidarietà a Luz Perly Cordoba. Chiediamo al governo Colombiano che Luz Perly Cordoba venga immediatamente scarcerata

Luz Perly Cordoba è stata arrestata da unità della Fiscalia General nell'Università INNCA, dove si trovava per assistere ad una lezione di diritto e trasferita nella sede del DAS di Bogotà, dove si trova da quella notte. E' stata perquisita anche la sede dell'Associazione Contadina di Arauca, nel Municipio di Arauquita (Colombia ovest).
L'arresto di Luz Perly Cordoba fa parte della sistematica repressione del governo Colombiano contro ogni forma di opposizione sociale, attraverso un metodo sofisticato di "guerra sporca" che ha avuto come risultato, in questi ultimi anni, la detenzione-sparizione oltre 2.800 persone, oltre 7.000 vittime di torture o trattamenti inumai e crudeli, 29.00 casi di esecuzioni extragiudiziali.
La violazione metodica e permanente del diritto di organizzare l'opposizione sociale democratica e' attuata dietro un paravento di democrazia formale, mediante la pratica di centinaia di omicidi, sequestri e sparizioni di sindacaliste/i.
La Colombia detiene il funereo primato dell'80% dei sindacalisti assassinati nel mondo, ogni anno.
Non vogliamo che Luz Perly Cordoba faccia parte di questa schiera di assassinate/i e desaparecidas/os.
Luz Perly Cordoba è a capofila del movimento sindacale colombiano che si oppone allo sfruttamento delle ricchezze naturali attuate da parte delle imprese trasnazionali e sostenute dal governo colombiano, attraverso ALCA e Plan Colombia, con processi di militarizzazione del territorio contro ogni forma di organizzazione di contadini, comunità rurali e popoli indigeni.
Le importazioni di prodotti agricoli stranieri hanno abbassato il prezzo dei prodotti locali al di sotto dei costi di produzione, e la riduzione drastica dei crediti agli agricoltori colombiani porta al fallimento di numerose imprese agricole colombiane.
A questo si aggiunge la crescente importazione di prodotti transegnici.
Questo processo di disgregazione del tessuto produttivo e delle consuetudini alimentari in Colombia, causa una intensificazione della povertà e la fuga dalla campagne verso le città e l'emigrazione in Europa e USA.
A tutto questo Luz Perly Cordoba lottava con il suo lavoro di dirigente sindacale e di responsabile dei diritti umani di FENSUAGRO-CUT.
La CUB (Confederazione Unitaria di Base) manifesta tutta la propria solidarietà a Luz Perly Cordoba.
Chiediamo al governo Colombiano che Luz Perly Cordoba venga immediatamente scarcerata.

Milano 19 febbraio ‘04

 

FaceBook