IL GRANDE BUCO DEI FONDI U.S.A. negli Stati uniti la crisi dei sistemi previdenziali sta precipitando

Prendi il volantino pronto per la stampa .zip


Negli Stati uniti la crisi dei sistemi previdenziali sta precipitando:
la «Pension Benefit Guarantee Corporation», l'assicurazione pubblica che tutela le prestazioni dei fondi a benefici definiti (nei quali è predeterminato l'ammontare della pensione) ha visto passare il proprio bilancio da un avanzo di 7,7 miliardi di dollari nel 2001 a una perdita di 18,1 miliardi nel 2006.
 
Lo stesso ente che gestisce la «Pension Benfit» ha stimato che l'ammontare totale di sottocapitalizzazione dei Fondi pensione a benefici definiti sia aumentato da 44 miliardi a fine 2000, fino a 650 miliardi del 2006.

E la situazione
dovrebbe essere ulteriormente peggiorata negli ultimi 18 mesi visti i numerosissimi pensionamenti legati alla crisi economica, ma anche la caduta delle borse statunitensi.


I piazzisti nostrani
ci diranno che da noi i fondi non possono fallire perché sono a contribuzione definita ma in sostanza non c’è differenza: paga sempre il lavoratore o col fallimento del fondo o con la perdita reale dei contributi versati ai fondi pensione.


L’unica strada percorribile
per garantire un futuro dignitoso ai pensionati è quella sostenuta dalla Cub che punta al rilancio della previdenza pubblica e alla cancellazione dello scippo al tfr


Milano 4-7-08

FaceBook