In rosso i Fondi pensione di categoria
  Nei primi sette mesi del 2002
Cometa (metalmeccanici) ha perso il 2,80%,
Fonchim (chimici) ha perso il 3,30%.
 
" Dopo un 2001 in grigio, i fondi pensione di categoria sono finiti in profondo rosso. Nei primi sette mesi del 2002, i fondi chiusi (riservati ad ambiti omogenei di lavoratori, come i dipendenti di un settore, di un' azienda o gli appartenenti ad una categoria professionale) hanno ottenuto una performance media netta negativa del 4% ”.(Corriere Economia, 2-9-2002)
 
Governo e cgil-cisl-uil vogliono spostarci il TFR nei fondi pensione  

 

Rendimento Fondi

Rivalutazione TFR

Differenza tra Fondi - Tfr

2000

    + 3,55 %

   + 3,54 %

       + 0,01

2001

    - 0,5 %

   + 3,2 %

        - 3,7%

primi 7 mesi 2002

    - 4 %

   + 2,2 %

        - 6,2 %

 

Ma non basta : c’è qualcosa di strano  

Le perdite dei fondi pensione in Italia appaiono “miracolose” rispetto a quelle che hanno avuto in altri paesi : negli Usa e in Gran Bretagna i fondi pensione hanno perso dal 30 al 100%. E anche in Italia, dal luglio 2000 al luglio 2002, la Borsa di Milano ha bruciato oltre 450 miliardi di euro (900mila miliardi di lire), una perdita pari al 43% del valore azionario complessivo.

Come mai in Italia i fondi pensione chiusi hanno perso in media "solo" il 4% nei primi 7 mesi del 2002 e "solo" lo 0,5% nel 2001.
I casi allora sono due :


  1.  o i rendimenti sono stati falsificati (come hanno scoperto per i fondi aziendali Usa) per non far abortire l' "affare del secolo" dei fondi pensione per Lorsignori?
  2. oppure, come ci diranno, i soldi sono stati investiti solo in minima parte in Borsa, vista l'aria che tira in Piazza Affari? 

 
Ma i fondi pensione sono stati inventati proprio per permettere a Lorsignori (speculatori, finanziarie, padroni, sindacati di Stato) di usare i soldi dei lavoratori per le speculazioni di Borsa. Quando anche i fondi pensione italiani avranno in portafoglio enormi quantità di azioni, dovranno tenersele anche quando crolla la Borsa.
Questo ce lo insegna l'esperienza Usa.

Qui ormai "i fondi pensione detengono il 35% dei titoli azionari emessi in America" e, nonostante il crollo di Wall Street, hanno dovuto tenersi il grosso delle azioni, perdendo dal 30 al 100% del patrimonio. Se avessero venduto in massa, sarebbe crollato completamente tutto il sistema finanziario a livello mondiale.  
 
Ecco a cosa vogliono affidare la salvezza delle nostre pensioni che hanno e continuano a massacrare.

Milano, 5 settembre 2002

FaceBook