Il Giudice del Tribunale di Potenza si è pronunciato sui licenziamenti perpetuati alcuni anni fa nei confronti di Labella Vincenzo, Melucci Giuseppe e Carlucci Giovambattista, iscritti alla CUB.

Il Giudice ha condannato la società "Linea Legno S.R.L." a corrispondere agli operai licenziati illegittimamente "una indennit risarcitoria commisurata all'ultima retribuzione globale di fatto a partire dal 31-08-2009 sino al giorno dell'effettiva reintegrazione".

Il Giudice "ha ordinato di reintegrare i tre operai licenziati nel posto di lavoro e condannato la società al pagamento delle spese di lite".

Uno dei tre operai, Vincenzo Labella all'epoca del licenziamento era RSU ed RLS (Rappresentante della Sicurezza), aveva fatto più volte intervenire gli Ispettori dell'Asl circa questioni che interessavano la sicurezza e la prevenzione sul posto di lavoro attirando le ire dell'Azienda.

I tre operai dopo essere stati licenziati, con la difesa strenua dell'Avv. Ameriga Petrucci,
con il sostegno della Cub, e con le numerose iniziative pubbliche di denuncia, adesso possono tirare un sospiro di sollievo e ritornare in fabbrica se la sentenza sar rispettata.
                                                                                           
Potenza 27 Novembre 2013   

Per la FLAICA CUB
Tonino Innocenti
tel. 335 8352338

 

F.L.A.I.C.A.Uniti-CUB
Federazione Lavoratori Agro Industria Commercio ed Affini Uniti
Sede Provinciale Via Diodato Sansone n° 9, 85051 Bella (PZ)
Tel 335-8352338 Fax 0825-445549  e  mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.




 

 

 

FaceBook