Con due sentenze del Tribunale di Busto A., i Giudici del lavoro Dott.ssa Fedeli per una causa contro Aviapartner e la Dott.ssa Molinari per una causa contro Airport, hanno accolto il ricorso presentato da gruppi di lavoratori a part-time assistiti dai legali della Cub Trasporti.

I Giudici hanno ordinato il pagamento delle differenze retributive oltre alle spese legali.
Ancora una volta l'arroganza dei datori di lavoro ha dovuto cedere alle ragioni dei lavoratori.
Dopo che le aziende avevano ottenuto dai confederali l'aumento dell'orario settimanale di una effettiva mezz'ora e la riduzione del valore della retribuzione per un altra mezz'ora alla settimana, sia Aviapartner che Airport h., pretendevano di retribuire i lavoratori part-time penalizzandoli ulteriormente nella rideterminazione delle loro retribuzioni. Il Tribunale di Busto A. ha dato ragione ai lavoratori correggendo il calcolo errato a loro danno.
Airport h., in verità, si era già adeguata, dopo i primi nostri interventi, regolarizzando questo calcolo a partire dal gennaio 2018 e conciliando, per le somme maturate tra il luglio 2016 e il dicembre 2017, le cause promosse da un primo gruppo di lavoratori, riconoscendo a questi una somma assai vicina al totale dovuto. Non aveva però voluto offrire le stesse condizioni ai lavoratori che si erano mossi in un secondo tempo.
Di qui, di fronte alla indisponibilità dell'azienda ad evitare discriminazioni tra i lavoratori assistiti dalla Cub Trasporti, questo gruppo di lavoratori ha voluto chiedere al Giudice la sentenza che puntualmente ha dato loro ragione.

CRONOSTORIA DELLA VICENDA:
Cgil-cisl-uil-ugl nell’ultimo contratto nazionale hanno firmato il passaggio da 37,5 ore settimanali a 38,5.
Questo aumento dell’orario di lavoro è avvenuto senza nessun aumento salariale.

Per i lavoratori a full-time è stato quantificato in tre giornate di lavoro all’anno e quindi 24 ore di lavoro in più.
Per i part-time, non potendo modificare l’orario di lavoro in quanto la legge prevede espressamente la firma dei diretti interessati, hanno stabilito nel contratto di far scegliere ai lavoratori.
In Airport e Aviapartner la stragrande maggioranza decise di non avallare questo aumento di lavoro.
Contrariamente a quanto prevede la legge, che stabilisce la proporzionalità della paga in base alla paga dei lavoratori a full-time, Airport e Aviapartner hanno deciso di trattenere a questi lavoratori non 3 giornate di stipendio, ma bensì 6, non rispettando quindi il corretto calcolo delle buste.
Malpensa e Linate, 2019-09-30

Cub Trasporti Lombardia
Renzo Canavesi
347-7173746

     Malpensa-vinte-cause-part-time-avaiap-e-airport.pdf

 

FaceBook