"Le malattie del lavoro: prevenzione e tutela" - Venerdì 1° febbraio Convegno a MILANO

 

Scarica la locandina d'invito al convegno formato pdf

Intervengono:
Prof. Carlo Smuraglia (Professore ordinario F.R. di diritto del lavoro presso l’Università Statale di Milano)

Prof. Vito Foà (Professore ordinario F.R. di medicina del lavoro presso l’Università Statale di Milano)

Prof. Franco Scarpelli (Professore ordinario di diritto del lavoro presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca)

Dr.ssa Angela Della Bella (Ricercatrice presso l’Istituto di Diritto e Procedura Penale dell’Università Statale di
Milano)

Dr.ssa Susanna Cantoni (Responsabile servizi prevenzione e sicurezza ambiente e lavoro ASL Città di Milano)

Dr. Michele Di Lecce (Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Alessandria)

Dr. Raffaele Guariniello (Procuratore della Repubblica aggiunto presso il Tribunale di Torino)

Le malattie professionali “tabellate”, che per lungo tempo erano state le uniche riconosciute e riconoscibili anche in sede assicurativa, hanno perso un pò di rilievo a seguito della messa al bando di alcuni prodotti e sostanze particolarmente pericolose.
Si è ampliato, peraltro, l’ambito delle malattie da lavoro, quelle – cioè  – che pur non essendo “tabellate” possono ritenersi collegate alla prestazione di lavoro, a condizione peraltro che l’interessato fornisca la prova del “nesso di causalità”. Questo settore, tuttavia,  che si sospetta essere assai più ampio di quanto si ritenga, è rimasto  un pò più sotto traccia, non solo perchè manca una piena  conoscenza di tutte le malattire da lavoro possibili, ma anche perchè il problema della prova non è agevole, specialmente quando corre del tempo tra l’esposizione al rischio e le manifestazioni della malattia (problema, peraltro, comune, anche ad alcune malattie "classiche”, come quelle dovute ad esposizione ad amianto, a tumori specifici e così via).
Il Convegno intende approfondire proprio questi aspetti, soprattutto in un momento in cui l’opinione pubblica (e lo stesso legislatore)  sembrano colpiti più dai gravissimi infortuni sul lavoro che si stanno  verificando (peraltro da sempre) che non dalle malattie da lavoro, meno vistose e meno suscettibili di destare emozioni e tuttavia non meno dannose per l’integrità fisica di chi lavora.
Per questo è stato chiesto il contributo di relatori particolarmente  esperti in materia, ai quali va, fin d’ora, il doveroso ringraziamento della Fondazione.

Milano, 1 febbraio 2008 


Segreteria via C.Battisti 4 - Milano
www.fondazionemalagugini.it

FaceBook