Disabili: congedo anche ai figli conviventi. Definite le regole per l'estensione del diritto al congedo straordinario, della durata massima di due anni al figlio convivente con persona in disabilità grave. Circolare l'inps n. 41 del 16 marzo 09.

 

Prendi il comunicato pronto per la stampa .zip


Con la sentenza 19 del 26 gennaio, la Corte Costituzionale, ha dichiarato l'illegittimità Costituzionale dell'articolo 42, comma 5, del decreto legislativo 151/01 (Testo Unico in  materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità) nella parte nella quale non include, tra i soggetti legittimati a fruire del congedo, il figlio convivente, in assenza di altri soggetti idonei a prendersi cura della persona in situazione di disabilità grave.

Perché il figlio convivente con la persona gravemente disabile possa usufruire del congedo si devono verificare quattro condizioni:
1)il genitore portatore di handicap grave non è coniugato o non convive col coniuge, oppure -se coniugato e convivente col coniuge- si trova in una di queste situazioni: il coniuge non presta attività lavorativa o è lavoratore autonomo; il coniuge ha espressamente rinunciato al congedo, per lo stesso soggetto e negli stessi periodi
2)entrambi i genitori del portatore di handicap risultano deceduti o totalmente inabili
3)il genitore portatore di disabilità grave non ha altri figli o non convive con alcuno di essi oppure se ha altri figli conviventi,  ricorre una delle seguenti situazioni:
i figli conviventi (diversi dal richiedente il congedo) non svolgono, attività lavorativa o sono lavoratori autonomi; i figli conviventi diversi dal richiedente il congedo  -hanno espressamente rinunciato a godere del congedo per il genitore in questione, nello stesso periodo.
4) il portatore di disabilità grave non ha fratelli o non convive con alcuno di essi o,se ha un fratello convivente, questo fratello non presta attività lavorativa o è lavoratore autonomo oppure ha espressamente rinunciato al congedo per lo stesso soggetto e negli stessi periodi.

Le Sedi Inps potranno riesaminare le richieste già pervenute per i rapporti non esauriti (situazioni giuridiche per le quali non è intervenuta sentenza passata in giudicato, prescrizione del diritto). L'indennità si prescrive in un anno, dal giorno successivo alla fine del periodo indennizzabile come congedo.

Milano 27-3-09
A cura ufficio studi Cub

Confederazione Unitaria di Base
Sede nazionale Milano: V.le Lombardia 20 - tel. 02/70631804 fax 02/70602409
www.cub.it - e mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

FaceBook