Presa di posizione della CUB in merito alle condizioni  dei "lavoratori fragili" Covid19

 

 

 

A: MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI
Ministra Nunzia Catalfo
Pec - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

A: MINISTERO DELLA SALUTE
Ministro Roberto Speranza
Email - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Pec - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

A: INPS
Direttore Generale Gabriella Di Michele

Pec – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


La Confederazione Unitaria di Base,

Visto
- art 26 , comma 2 del D.P.C.M. del 17 marzo 2020;
- art 3, comma1, lettera b del D.P.C.M del 10 aprile 2020;
- articolo “sorveglianza sanitaria e tutela dei lavoratori fragili” del “Documento tecnico sulla possibile rimodulazione delle misure di contenimento del contagio da Sars-Cov-2 nei luoghi di lavoro e strategie di prevenzione” del INAIL datato Aprile 2020.

Considerato
- nell’attuale fase emergenziale, nel rispetto di quanto prevedono i citati articoli a tutela dei “lavoratori con fragilità”, i medici competenti aziendali hanno comunicato ed espresso giudizio di “inidoneità temporanea” o “limitazioni dell’idoneità, sconsigliando il rientro sul posto di lavoro ed invitando a contattare il medico curante per certificare la malattia “per necessità di isolamento” con codice INPS V07.
rappresenta a tutti gli Enti in oggetto quanto segue:
1) su tutto il territorio nazionale si sta verificando da parte di vari Enti e ordini medici una propria libera interpretazione delle norme menzionate;
2) le diverse ASL provinciale e/o regionale, i medici di famiglia, i MMG, adottano soluzioni diverse e in contrasto tra loro.
A tale proposito si specifica che, in alcuni casi, i medici di famiglia non rilasciano i certificati di malattia utilizzando il codice V07 o non certificano lo stato di fragilità ritenendosi esonerati dal farlo.
Pertanto i lavoratori sono rimpallati tra il medico competente, che chiede loro tale certificazione ed il medico di famiglia, che non la rilascia, ritenendosi non deputato a farlo.
Inoltre non è chiaro se l'eventuale certificazione rilasciata dal MMG comporti per il lavoratore una condizione di quarantena e quindi di isolamento.
Altresì non è chiaro come e da chi venga retribuito il periodo in questione di assenza dal lavoro, eventualmente certificato, a fronte di un giudizio di inidoneità temporanea alla mansione.

Restando in attesa di un urgente chiarimento/parere in merito a quanto esposto, ovviamente valido per l’intero territorio nazionale, si inviano
Distinti Saluti
per la Confederazione Unitaria di Base
Segretario Nazionale
Marcelo Amendola

19.5.2020

Sede Legale - Viale Lombardia, 20 – 20131 Milano
– 02.70631804 - Fax 02-7060.2409


     Lettera-al-governo-LAVORATORI-FRAGILI.pdf

 

 

 

 

FaceBook