NEGATO IL DIRITO DI SCIOPERO AI LAVORATORI del TRASPORTO AEREO in lotta contro gli SMEMBRAMENTI DEL SETTORE, in difesa dei loro diritti e del posto di lavoro.

Lo sciopero indetto dalla Cub Trasporti è stato revocato dopo l'intervento della Commissione di Garanzia.

Tale organismo ha strumentalmente eccepito sulle modalità di indizione dello sciopero proclamato dalla nostra organizzazione contro le terziarizzazioni/societàarizzazioni, contro lo smembramento delle aziende, contro le privatizzazioni e contro la precarizzazioni del rapporto di lavoro (vedi calendario scioperi pubblicato dalla stessa Commissione di Garanzia):

1) Ci ha rilevato che tra il primo sciopero di 4 ore ed il secondo di 8 ore sono trascorsi più di 45 giorni. Ciò impone, in base alla normativa provvisoria deliberata dalla stessa commissione a  Luglio 2001, il ripetersi delle procedure di raffreddamento (...richieste di incontri ed eventuali confronti con le controparti).

Tutto questo nonostante nei 45 giorni trascorsi sia stato impossibile indire un nuovo sciopero sia per il periodo di franchigia sia per la concentrazione nel settore di altre agitazioni indette dalle altre oo.ss. Inoltre l'azienda ha proceduto nel frattempo a societàarizzare, terziarizzare, privatizzare e precarizzare il rapporto di lavoro;

2) Ci ha intimato di non sovrapporre il 7 Luglio p.v le indizioni con quello del Sult proclamato da quella o.s. prima del nostro. Ciò, a parer loro, per tutelare meglio il diritto alla mobilità dell'utenza.

Una evidente contraddizione
dato che le riproposizioni su date distinte di agitazioni che insistono sullo stesso settore e/o bacino di utenza provocano un maggior disagio rispetto ad una effettiva rarefazione su una stessa data degli scioperi proclamati. Peraltro circa 20 giorni prima la stessa Commissione si era pronunciata in maniera opposta rispetto ad un nostro sciopero indetto a Milano. In tale situazione l'organismo di vigilanza per lo sciopero aveva costretto la Cub Trasporti a concentrare la proclamazione con quella di altre oo.ss. nonostante le motivazioni dell'agitazione fossero "diametralmente" opposte.

Tale atteggiamento della Commissione di Garanzia conferma la volontà di tale organismo impedire il pronunciamento dei lavoratori.

Inoltre oggi è arrivata la revoca "scontata" dello sciopero proclamato dal Sult per rivendicare la "Riforma del Settore" (vedi calendario scioperi pubblicato dalla stessa Commissione di Garanzia). D'altra parte non è un caso che lo sciopero del Sult venga revocato dopo la conclusione della vertenza degli assistenti di volo.

Intanto i processi di smembramento delle aziende e di terziarizzazione/societàarizzazione proseguono. E' di l'altro ieri l'avvio della newco dei motori: la terziarizzazione di un ramo d'azienda della divisione manutenzioni aeromobili dell'Alitalia. Una operazione aziendale condivisa dalle altre oo.ss. (cgil, cisl, uil, ugl e sulta) che insieme hanno sottoscritto l'accordo per il passaggio dei lavoratori nella nuova azienda.

Presto la Cub Trasporti, espletate le procedure di raffreddamento previste dalla legge (L. 146/90 e L. 83/2000), indirà di nuovo le necessarie mobilitazioni dei lavoratori contro i processi di societàarizzazione/terziarizzazione, smembramento delle aziende, privatizzazione e precarizzazione del lavoro.

Roma 3 luglio 2003 

Cub Trasporti

FaceBook