Il decreto Rilancio con l’art 82 introduce il reddito di emergenza. È un capitolo importante anche se a nostro avviso ha una grossa lacuna in quanto dura solo due mesi mentre dovrebbe durare fino alla fine dell’emergenza covid-19 ovvero fino a ottobre 2020.


A chi spetta
Il reddito di emergenza spetta a chi non usufruisce di altri aiuti dallo Stato e la durata massima di 2 mesi che prevede un assegno mensile per nucleo familiare da 400 €(per i single) a 800 € (a seconda del numero dei componenti di una famiglia).
Le domande potranno essere presentate entro il mese di giugno.

Quali sono i requisiti
Il Rem e riconosciuto ai nuclei familiari in possesso cumulativamente, al momento della domanda, dei seguenti requisiti:
1. Residenza in Italia, verificata con riferimento al componente richiedente il beneficio.
2. Un valore del reddito familiare, nel mese di aprile 2020, inferiore ad una soglia pari a 400 € moltiplicata per la scala di equivalenza
3. Un valore del patrimonio mobiliare familiare con riferimento all’anno 2019 inferiore a euro 10.000, accresciuta di euro 5.000 per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo di euro 20.000, il massimale e incrementato di 5.000 euro in caso di presenza nel nucleo familiare di un componente in condizione di disabilita grave o di non
autosufficienza.
4. Un valore dell’ISEE inferiore ad euro 15.000.
Il Rem non è compatibile con le altre indennità del Dl Cura Italia bonus autonomi, Cig, ecc
Il Rem non è altresi compatibile con la presenza nel nucleo familiare di componenti che siano al momento della domanda in una delle seguenti condizioni:
a) titolari di pensione diretta o indiretta ad eccezione dell’assegno ordinario di invalidita;
b) titolari di un rapporto di lavoro dipendente;
c) percettori di reddito di cittadinanza.

Ciascuna quota del Rem è pari a 400 euro, moltiplicati per il corrispondente parametro della scala di equivalenza fino ad un massimo di 2, corrispondente a 800 €.
Il Rem è riconosciuto ed erogato dall’INPS previa richiesta tramite modello di domanda predisposto dall’INPS. Le richieste di Rem possono essere presentate presso i Caf o i Patronati presentato secondo le modalità stabilite dall’Inps con apposita circolare.
Nel caso in cui in esito a verifiche e controlli emerga il mancato possesso dei requisiti, il Rem è immediatamente revocato, ferma restando la restituzione di quanto indebitamente percepito e le sanzioni previste a legislazione vigente.
Per qualsiasi informazione scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Legnano maggio 2020

CUB LEGNANO
Confederazione Unitaria di Base
Legnano: via Cristoforo Colombo 17 tel. 0331-1555336 0331-1546331 fax. 0331-1555358
www.cub.it – www.cubvideo.it e mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

       reddito-di-emergenza.pdf

 

FaceBook