Presso il Palazzo dei Congressi Il 13 marzo si svolge il primo della due giorni ongressuale delle organizzazioni del privato della CUB. A Sirmione contro la crisi

comunicato stampa

Per il 14 marzo 350 delegati discuteranno i punti fondamentali dei problemi economici e del mondo del lavoro.
Due giorni sul lago di Garda a convegno per gli appuntamenti congressuali delle organizzazioni del privato della Confederazione Unitaria di Base.
L’apertura prevista per il 13 vede la relazione del suo coordinatore nazionale, Piergiorgio Tiboni, impegnato in un’analisi sulla realtà attuale, e della sua crisi, e delle proposte per contrastarla.
Seguono gli interventi da parte di Luigi Marra di Medicina Democratica, di due rappresentanti del sindacato spagnolo CGT e dell’ACU (Associazione Consumatori), oltre naturalmente a rappresentanze di Cobas e SdL, delle altre organizzazioni della CUB.
Partecipazione straordinaria dell’economista professor Emanuele Brancaccio dell’Università del Sannio con una relazione circa l’attuale situazione, ma dalla prospettiva propria del suo ambito.
Il secondo giorno, il 14, sarà il turno dei delegati delle singole organizzazioni Allca (chimici e affini), CUB Edili e CUB Tessili, CUB-Informazione, CUB-Sanità, Flaica Uniti (commercio e multi-servizi), FLMUniti (metalmeccanici e telefonici) e CUB Pensionati, che in sedi decentrate oltre a valutare che risposte fornire per evitare che la crisi venga pagata da lavoratori e precari, eleggeranno i propri gruppi dirigenti, decideranno le scelte di politica sindacale.
I principali punti di rivendicazione del sindacato sono sintetizzabili nello stop ai licenziamenti, e riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario, la trasformazione in stabile il lavoro dei precari, oltre ad aumenti consistenti di salari e pensioni, con aggancio al costo della vita, e una cassa integrazione all’80% del salario, e continuità del reddito per tutti.
Un particolare riguardo anche all’ambiente e alle politiche energetiche, e a diritti quali sanità, istruzione, al diritto alla casa, e a una vera democrazia sindacale.
I  prossimi appuntamenti sono il 27 marzo, a Torino, con un presidio all’assemblea degli azionisti FIAT, per ribadire la scelta della cosiddetta settimana corta, il giorno dopo, il 28, alla manifestazione nazionale a Roma, mentre il 23 aprile è indetto uno sciopero generale, con cortei su tutto il territorio, e il Primo Maggio con l’appuntamento del May Day.

Milano 11 03 2009

CUB Confederazione Unitaria di Base
- Sede Nazionale: Milano Viale Lombardia 20  
- tel.02 70631804 fax. 02 70602409
- e mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
- www.cub.it

FaceBook