Intervista tratta  dal sito Unione Inquini - maggio 2018

E’ morto oggi nel pomeriggio, a casa sua nel centro storico di Firenze, il presidente nazionale dell’Unione Inquilini Vincenzo Simoni.

Nato a Rovigno (Istria) il 30 novembre 1937, laureato alla facoltà di Scienze Politiche Cesare Alfieri di Firenze, fu il fondatore dell’ Unione Inquilini a Firenze nei primi anni ’70.

Nato in una famiglia di profughi istriani,  ha conosciuto da vicino tutti i dolorosi risvolti del problema della casa. Una battaglia politica, la sua, che non ha mai conosciuto cedimenti, che copre un arco temporale lunghissimo in cui si è confermato fino all’ultimo uno degli interlocutori più profondi non solo per quanto riguarda il problema casa, ma anche per la sensibilità e il senso critico, la lucidità con cui ha seguito l’escalation delle  problematiche sempre più feroci della speculazione edilizia e l'ultraliberismo, per difendere i ceti più deboli della popolazione.

Come PierGiorgio Tiboni  fino all’ultimo è rimasto al servizio dell'organizzazione che aveva contribuito a fondare. Unanime il cordoglio di tutta la CUB 

Era un grande Uomo. Uno di quelli che con il tempo imparavi ad apprezzare per la sua  lungimiranza di pensiero. Ho avuto la fortuna di conoscerlo ed imparare tanto. Una grande perdita per tutto il mondo sindacale è non solo. Un abbraccio forte a tutta la sua famiglia e ai compagni dell'unione Inquilini.


Amendola Marcelo
Segretario Nazionale CUB

1 novembre 2020

 

 

Vincenzo Simoni tra i fondatori dell'Unione Inquilini Firenze

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
FaceBook