Le politiche dell’Aler di Milano si sono caratterizzate negli ultimi due decenni per disimpegno rispetto al proprio compito di espandere l’edilizia sociale, per la scelta di vendere buona parte del proprio patrimonio, per l’insufficiente intervento manutentivo

e per il disinteresse per le reali condizioni di vita degli inquilini dei propri stabili; in una parola l’Aler di Milano si è allineata con le scelte di privatizzazione volute in tutti i campi dalla Regione Lombadia.

I pochi appartamenti realizzati sono stati quasi sempre il frutto dell’intervento pressante di alcuni comuni. Gli appartamenti inseriti nei piani vendita restano per anni vuoti creando una situazione scandalosa per cui centinaia di famiglie vivono senza un alloggio mentre case costruite con i soldi dei lavoratori restano inutilizzate e costano all’Aler che deve pagare le spese del riscaldamento e dei servizi condominiali.
Alcuni lotti di edilizia Aler sono abbandonati da anni nonostante le occupazioni dimostrative organizzate dal sindacato:
- In Via Camagni ci sono 10 appartamenti di tre locali vuoti, sprangati e lasciati al degrado
- In via Carducci 40/42, Via Cattaneo 1/3, Via Bergomi 2/4, ci sono 4 villette ex Breda ora di proprietà Aler che sono vuote anche se in buone condizioni

Per quanto riguarda la manutenzione degli stabili la situazione è drammatica:
- Gli interventi urgenti non sono mai tali per cui nel Nord Milano sono decine le famiglie che vivono con i secchi in casa per raccogliere l’acqua piovana, che devono sopportare per mesi le infiltrazioni delle acque di scarico dall’appartamento soprastante, che sono costrette a vivere al freddo perché l’impianto di riscaldamento non funziona.
- In seguito ad una segnalazione di perdite, a volte con ritardi inaccettabili, esce un tecnico dall’Azienda per fare un sopralluogo e scattare qualche foto, poi, a distanza di settimane, arriva il responsabile della ditta appaltatrice che a sua volta fa il suo sopralluogo, a distanza di settimane arriva (ma non sempre) l’operaio addetto alla riparazione che spesso opera senza risolvere il problema che richiederebbe interventi ben più importanti o che sale sul tetto, riferisce all’inquilino di aver sistemato le tegole anche quando si tratta di tetti piani e poi se ne va millantando di aver risolto il problema
- Quando il problema è il riscaldamento la risposta è spesso “non abbiamo i soldi per sostituire la caldaia” come se il riscaldamento fosse un servizio facoltativo, come se non fosse responsabilità primaria del locatore garantire la corretta fruibilità dell’immobile. Nessuna legge giustifica il proprietario di un immobile che non effettua gli interventi manutentivi dovuti e indispensabili con la scusa della mancanza di liquidità
- Le manutenzioni straordinarie che dovrebbero essere programmate per tempo stabile per stabile sono invece decise quando i danni si sono incancreniti con aggravi di spesa a volte molto consistenti. Spesso gli stanziamenti previsti dai piani triennali vengono annullati per mancanza di fondi o per garantire interventi su altri stabili abitati da inquilini più combattivi secondo la legge del “chi l’ vusa pusé la vaca l’è sua”: contratti di quartiere interrotti a metà, altri completamente annullati, piani manutentivi spostati da uno stabile all’altro e poi spariti nel nulla, interi quartieri privi di manutenzioni straordinarie da 45 anni, interventi straordinari realizzati solo dopo ingiunzioni da parte dell’autorità sanitaria (Ufficio di Igiene - AST)
- Il decreto Legislativo 102/2014 obbliga (termine 2016) l’installazione delle valvole termostatiche e contatori di calore sui termosifoni . Nei condomini dove è stato attuato il decreto 102 i conduttori hanno realizzato risparmi energetici molto consistenti (mediamente il 30%). Nelle case dell’Aler però si continuano ad invocare proroghe con danni evidenti in tema di inquinamento e sacrifici economici per gli inquilini ce non riescono spesso a tenere il passo con il crescere delle spese condominiali.
- L’allacciamento al teleriscaldamento viene schernito dai tecnici dell’Aler che sostengono che il riscaldamento con gli scambiatori di calore o con le caldaie ha lo stesso costo, ma non aggiungono che la manutenzione di una caldaia è sicuramente più onerosa di quella di uno scambiatore. Questo uso scorretto delle informazioni è una risorsa spesso utilizzata daii responsabili Aler per scaricarsi delle proprie responsabilità.
- Gli infissi esterni hanno un ruolo importante all’interno di un piano per il risparmio di calore di un caseggiato, ma l’Aler non ha mai nemmeno pensato di predisporre un progetto di sostituzione generalizzata degli infissi con contributi regionali ed europei per il risparmio energetico

Situazioni concrete
SESTO SAN GIOVANNI
Via Catania 40/50
- Serramenti esterni da sostituire come indicato nell’ordinanza dell’AST
- Tetti da ristrutturare
- Facciate da rifare con interventi urgenti sui balconi
- Interventi di risparmio energetico sulla centrale termica (allacciamento al teleriscaldamento, valvole termostatiche e contatori di calore)
- Realizzazione gabbiotti per le immondizie
- Derattizzazione
- Locale assemblea per il Consiglio di Caseggiato
Via Bixio 52
- Ristrutturazione struttura di ingresso dello stabile
- Relalizzazione gabbiotti per le immondizie
- Manutenzione balconi: parapetti pericolanti
- Riparazione citofoni
- Ripristino illuminazione cortile e cantine
- Potatura alberi
- Manutenzione portoni di ingresso scale
Via Marx-Livorno
- Bonifica aree comuni
- Rifacimento parcheggi adiacenti ad ogni stabile
- Illuminazione parti comuni
- Realizzazione gabbiotti per immondizie
- Soluzione problemi di traffico in via Marx all’altezza della scuola materna
Via Mincio 62/74 e 98
- Infiltrazioni di acqua
- Riparazione in facciata per caduta calcinacci
- I tombini cortile intasati provocano allagamenti fin dentro gli ingressi
- Portone e gradini di ingresso da manutenere
Via Bergomi 8
- Interventi per eliminare l’allagamento del cortile quando piove
- Rifacimento del portone di ingresso
- Eliminazione infiltrazioni di acqua nelle cantine
- Eliminazione infiltrazioni dal tetto
Via Cairoli 115
- Sostituzione/riparazione infissi che lasciano passare la pioggia
Viale Edison 448
- Manutenzione impianto illuminazione del cortile
- Eliminazione infiltrazioni dal tetto
COLOGNO MONZESE
Via Pirandello 1
- Eliminazione infiltrazioni dal tetto
- Potatura alberi
- Verifica appalto pulizie
Via Pirandello 8
- Rifacimento illuminazione del cortile
- Manutenzione parapetti balconi
- Sostituzione saracinesche del riscaldamento
- Installazione di un addolcitore in centrale termica e pulizie montanti
CINISELLO BALSAMO
Via Del Carroccio
- Sostituzione/riparazione caldaia
- Revisione rete di distribuzione del calore

Dicembre 2019
Unione Inquilini Nord Milano

     LIBRO-BIANCO-ALER-MILANO.pdf

 

 

FaceBook