Amoroso di Cub Trasporti dopo l' incontro al MISE  8.2.2021 Comunicato 9 febbraio 2021; Le scriventi OO.SS. smentiscono quanto pubblicato in data odierna sul quotidiano digitale Affaritaliani.it in ordine ad un incontro con i Sig.ri Nino Galloni e Flavio Robert finalizzato alla presentazione di un Piano di ristrutturazione e rilancio di Alitalia, finanziato da fondi americani.


Ieri i rappresentanti delle scriventi OO.SS., prima di essere ricevuti al Mise dal Ministro Patuanelli, hanno manifestato in Piazza Barberini a sostegno del rilancio di Alitalia, quale compagnia unica e pubblica, contro le ipotesi di licenziamento, smembramento e ridimensionamento contenute nel Piano di ITA.
Cub Trasporti, ACC, Assovolo e USB ritengono necessario sottolineare che qualora un Fondo americano avesse l’intenzione di sostenere un investimento su Alitalia, come qualora altro soggetto pubblico o privato, è opportuno che lo renda noto nei modi, nei tempi e nelle sedi opportune.

Roma 9.2.2021


C.U.B. TRASPORTI
Via Ponzio Cominio, 56 – 00175 Roma –06.76968412 - 0676960856 Fax 06.76983007 – pec: Esta dirección de correo electrónico está protegida contra spambots. Necesita activar JavaScript para visualizarla.


AIRCREWCOMMITTEE
Sede Legale -  Via G. Botti 56/a - 00119 Roma - email: Esta dirección de correo electrónico está protegida contra spambots. Necesita activar JavaScript para visualizarla.


ASSOVOLO
, Sede Legale -  viale della Vittoria 15 - 0122 Roma –06.94359110 - pec: Esta dirección de correo electrónico está protegida contra spambots. Necesita activar JavaScript para visualizarla.


UNIONE SINDACALE DI BASE
Via dell’Aeroporto 129 – 00175 Roma –06.762821– email: Esta dirección de correo electrónico está protegida contra spambots. Necesita activar JavaScript para visualizarla.

----------------------------------------

articolo su affaritaliani Alitalia del 9.2.21
Alitalia, spuntano i capitali americani: prime aperture dei sindacati
Mentre i problemi di cassa rischiano di far implodere la compagnia, Flavio Paltrinieri, presenta il piano che potrebbe salvare gli occupati

 


Tale posticipo dell'iniziativa e spostamento del luogo è stato deciso a fronte della notizia diramata in data odierna e non smentita che il Mise ha deciso di avviare il bando di vendita degli asset di Alitalia Sai in A.S., rifiutando di adottare il percorso proposto nell'emendamento di Fassina e da tempo supportato dalle analisi del prof. Arrigo, nonché anche dal prof. Intrieri.

Tale decisione del dicastero presieduto dal Ministro Patuanelli arriva senza che siano state spiegate le ragioni del rifiuto di adottare un percorso che garantisce unitarietà della compagnia, l'occupazione ed il futuro sviluppo.

Peraltro l'attuale rifiuto ribadisce la volontà di non adottare quel percorso gia' rappresentato al Mise ad ottobre del 2018 e riproposto in un emendamento dallo stesso Fassina a novembre 2019, successivamente ritirato per evitarne la bocciatura da parte di alcune forze della maggioranza di Governo.

È evidente che un bando mette a rischio l'esistenza stessa dell'Alitalia, la sua unitarietà e i livelli occupazionali, aprendo la strada a soluzioni incerte e tutt'altro che scontate.

È IMPORTANTE LA MASSIMA PARTECIPAZIONE DA PARTE DEI LAVORATORI DI OGNI SETTORE: PILOTI, AA/VV E TERRA.

MANIFESTIAMO PER UNA COMPAGNIA UNICA E PUBBLICA, IN GRADO DI CRESCERE E SVILUPPARSI E CHE IMBARCHI TUTTO IL PERSONALE IN FORZA

UNITI SI VINCE

--------------------------------------

 

ALITALIA, OGGI MANIFESTAZIONE A ROMA SINDACATI BASE

Roma, 8 feb - Oggi, dalle 9,30 i lavoratori Alitalia aderenti a Cub, Acc, Assovolo ed Usb hanno indetto una manifestazione in piazza Barberini, a Roma, nel primo spazio disponibile vicino al Ministero dello Sviluppo Economico. "Un'iniziativa- si legge in una nota - organizzata a fronte della notizia diramata e non smentita sulla decisione del Mise di avviare il bando di vendita degli asset di Alitalia Sai in A.S., rifiutando di adottare il percorso proposto nell'emendamento al 'Milleproroghe' di Stefano Fassina di Leu". "È evidente che un bando mette a rischio l'esistenza stessa dell'Alitalia, la sua unitarietà e i livelli occupazionali, aprendo la strada a soluzioni incerte e tutt'altro che scontate - ha dichiarato Antonio Amoroso, segreteria nazionale Cub -. Tale decisione del dicastero presieduto dal Ministro Patuanelli arriva senza che siano state spiegate le ragioni del rifiuto di adottare un percorso che garantisce unitarietà della compagnia, l'occupazione ed il futuro sviluppo. Manifestiamo tutti uniti per una compagnia unica e pubblica in grado di crescere e svilupparsi e che imbarchi tutto il personale presente". (red)

 

FaceBook