PRESIDIO SABATO 18 FEBBRAIO IN PIAZZA MAZZINI A CASTANO PRIMO DALLE ORE 16.00 ALLE ORE 18.00. Per il ritiro dei licenziamenti e per mettere un argine agli abusi praticati quotidianamente in alcune aziende  contro i lavoratori. GIOVEDI’ 16 FEBBRAIO si terrà un incontro con i sindaci di Castano Primo e Inveruno



Alla partecipata assemblea tenutasi a Castano Primo nei giorni scorsi, i lavoratori impiegati nelle aziende del territorio, in settori dove spesso vengono utilizzati i migranti, hanno deciso di scendere in piazza per il ritiro dei licenziamenti e contro gli abusi che quotidianamente devono subire sul lavoro da parte di quegli imprenditori che arbitrariamente abbassano le tutele, negano i diritti fuori dalle norme e dalle leggi.

Alla DZeta Srl, conceria di Inveruno, viene licenziato un lavoratore perché chiede il diritto alla tutela della salute e non accetta insulti e trattamenti che ledono la sua dignità.
La risposta dei colleghi non si fa attendere e da 3 settimane protestano con una serie di scioperi.

La DZeta Srl licenzia altri 4 colleghi che manifestavano solidarietà, con la scusante che il lavoro è diminuito, mentre assume altri dipendenti per svolgere il lavoro dei licenziati.

Alla Crif Logistic di Castano Primo, un lavoratore viene mandato a casa perché chiede di essere pagato dopo 5 mesi senza stipendio!
In questo caso il padrone si serve della polizia locale e delle forze dell’ordine.

La conceria Lavorazione Pelli di Bonadonna di Castano Primo, venerdì 10 febbraio, a fine giornata, licenzia 6 lavoratori perché non accettano di essere insultati e sballottati da un capannone all’altro.

GIOVEDI’ 16 FEBBRAIO si terrà un incontro con i sindaci di Castano Primo e Inveruno affinché intervengano per ristabilire il rispetto delle norme e della dignità dei lavoratori.
Il primo passo di una protesta che si estenderà in tutto il territorio se non verrà ristabilita la legalità e il rispetto di tutti i lavoratori e le lavoratrici.
Se i diritti non vengono riconosciuti ai migranti saranno negati anche agli italiani.
Siamo tutti lavoratori e come tali rivendichiamo diritti e rispetto delle norme, sia sulla tutela della salute nei luoghi di lavoro che sul salario, non di meno della dignità!

Gallarate 15 Febbraio 2017

Confederazione Unitaria di Base
CUB VARESE
Via Pasubio, 8-Gallarate (Va)
Tel: 0331/076413
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


*************ILGIORNO-16-02-2017**********************************

*********ILGIORNO-16-02-2017**************************