Walter Gelli  coord. CUB Sanita 

LA CUB PROTESTA IN NUMEROSE CITTÀ ITALIANE PER DENUNCIARE ai cittadini che la “Salute” in Italia è garantita solo a chi ha i soldi per pagarsela; altro che allungamento della vita! A Pavia - Presidio al Policlinico San Matteo. A Roma Assemblea pubblica cittadina presidio ospedaliero San Giovanni Addolorata dalle 10,30 alle 13,00.

La povera e la comune gente muore prima in ogni Regione Italiana (rapporto Osservasalute 2016). Già oggi il costo di cure/Ticket impedisce a 11 milioni di Cittadini, che hanno rinunciato, anche il solo Diritto minimo di accesso alla Salute (dati Censis 2016) che dovrebbe essere Pubblica, Gratuita, Universale.

Il Servizio Sanitario Nazionale (SSN), nato nel 1978 a seguito delle lotte degli anni 70, era ai primi 10 posti al Mondo come qualità e al 50° come costo sociale. Oggi il nostro SSN è retrocesso al 22° posto e non più al Mondo ma in Europa (dati Euro I. C. Health 2016), nel mentre il costo a nostro carico sale di anno in anno e toccherà nel 2017 i 115 Miliardi di Euro (dati Istat) che sono tutte tasse per i Cittadini.
Alcune cause:
Demolizione dei piccoli Ospedali, zero in prevenzione e cure ritardate o inadeguate in ½ Italia.
Criminalizzazione di Medici, Infermieri o altro personale, per responsabilità che il più delle volte appartengono solo al sistema politico di Governo e di Settore, oltre alle Direzioni Ospedaliere.
Pronto Soccorso intasati che sottopongono gli ammalati sofferenti a stress, rischi, ore di attesa.
Scandali e danni o veri crimini contro gli ammalati o contro più semplicemente alle donne che intendono per Legge solo interrompere la gravidanza, sono alla Cronaca 1 mese si e 1 mese no.
Corruzione, sprechi e ruberie per 6 miliardi di Euro (Corte dei Conti 2016), soldi che potrebbero garantire migliori prestazioni ai Cittadini e migliori condizioni ai lavoratori del Settore.
L'introduzione delle Mutue Private nei CCNL, che servirà a:
1) porre fine al SSN,
2) a garantire Salute solo a chi potrà pagarsela,
3) a portare soldi a cgil-cisl-uil e agli altri sindacati compiacenti,

Pessimi orari, scarsi organici, eccessivi carichi di lavoro in Ospedali e Residenze Anziani e Disabili che espongono i lavoratori a malattia ed infortuni e i Cittadini a un Servizio di pessima qualità.
L’Aziendalizzazione/privatizzazione del SSN, piegato a logiche di profitto e speculazione modificando il concetto stesso di Salute poiché l’importante è far quadrare i conti non garantirla.
Appalti pilotati e al massimo ribasso a Ditte e Coop. che sottopagano i lavoratori ridotti in condizione di lavoro tali da determinare nelle Pulizie (la Stampa 13/02/2017) un aumento d’infezioni negli Ospedali Pubblici, al punto in cui il costo annuo di questo vero “crimine” a carico dei Cittadini/Utenti supera quello causato ogni anno, da decessi/invalidità per incidenti stradali.

Ma quale Festa? La Salute è allo sfascio per questo la CUB si batte a favore dei Cittadini.

CONTRO:
a) Privatizzazione del SSN,
b) ruberie, appalti, crimini istituzionalizzati,
c) chiusura di Servizi Territoriali/piccoli Ospedali

E PER:
1) la re-internalizzazione dei Servizi in appalto con i lavoratori al seguito,
2) l’eliminazione di Tiket e liste di attesa,
3) aumento di Medici, Infermieri, OSS, ASA ecc.,
4) rinnovo di Contratti pubblici e privati che non prevedano Mutue Private ma garantiscano più salute e più salario ai lavoratori
.

 

Testimonianza:

 

Lavoratrice RSA iscritta  CUB Sanità  

 

 

Servizio di LIBERA.TV

 

Da "LA PROVINCIA PAVESE" del 7 aprile 2017