La stampa ha dato grande rilievo alla manifestazione a Milano, lo scorso 8 luglio: sono scesi in piazza i lavoratori del settore edile, per protestare contro la perdita di 690.000 posti di lavoro. In realt in piazza c'erano i rappresentanti di 31 associazioni padronali, in cui si annidano i palazzinari, con l'obiettivo dichiarato di ridurre gli adempimenti e le regole amministrative, tra cui quelle sulla sicurezza, da loro definite come "100 vessazioni".

Segnaliamo tra le altre la "vessazione" numero 50: obiettivo è mettere le mani sul tesoretto di diversi miliardi di euro che l'Inail risparmia nelle prestazioni a favore dei lavoratori infortunati o con malattie professionali.

Riprendiamo, senza commenti, una parte del documento scaricabile dal sito "lagiornatadellacollera.org"

"Il "censimento" delle vessazioni è stato avviato subito dopo la Giornata della Collera (nota: la precedente del febbraio 2013) e molte delle questioni emerse sono state sottoposte in questi mesi ai Ministri, ai Parlamentari, alle Istituzioni.

Un appello che è stato ascoltato dal nuovo Governo che in questi ultimi giorni ha varato e sta varando numerosi provvedimenti nella direzione richiesta (nota: Decreto Legge 68/2013).

50. Lavoro. Revisione della Tariffa dei premi INAIL.

Pur in presenza di una minore incidenza degli infortuni sul lavoro e della gravit degli stessi, la revisione della Tariffa, anche se prevista dalla legge, viene rinviata sine die. Tra l'altro, i premi INAIL pagati dal settore industriale producono un'eccedenza annuale che viene in gran parte "incamerata" dal Ministero dell'Economia.

Peraltro, trattandosi di un'assicurazione sociale mutualistica, che pur assicura comunque l'automaticit delle prestazioni dovute, anche in eventuale assenza di contribuzione, non vi è alcuna ragione che l'INAIL tesorizzi risorse, ben oltre le finalità istituzionali dell'Ente, tenuto conto che non può perseguire scopi di lucro.

 

a) soggetto vessante o soggetto che deve agire per la soluzione della vessazione: Legislatore e Ministero del lavoro.
b) suggerimento di modalità di intervento ovvero proposta di possibile strada per affrontarla e risolverla: È necessario procedere alla verifica dei minori costi per l'Istituto e ad una rimodulazione delle aliquote in relazione a tali minori costi.

c) stima dei costi: Da quantificare".