scioperoFlaica Uniti – Cub - VENERDI’ 28 GENNAIO 2011: Anche commercio, turismo e servizi milanesi - IN SCIOPERO PER L’INTERA GIORNATA PER IL REDDITO, IL LAVORO, I DIRITTI.


PRENDI IL VOLANTINO .zip

VENERDI’ 28 GENNAIO 2011:
anche commercio, turismo e servizi milanesi
IN SCIOPERO PER L’INTERA GIORNATA PER IL REDDITO, IL LAVORO, I DIRITTI


Da tempo è in corso un massiccio attacco padronale nei confronti delle condizioni di vita dei lavoratori e dei ceti popolari, di cui e la “cura Marchionne” e la controriforma Gelmini sono solo gli ultimi , seppur pesantissimi , passi.

Il diritto a un lavoro stabile e decentemente retribuito e la Possibilità à di poter difendere le proprie ragioni e i propri diritti sono ormai diventate delle “chimere” nel settore del commercio , dei servizi , del turismo così come in tutti gli altri posti di lavoro.

Le condizioni salariali e normative , la stabilità del posto di lavoro , i diritti che i lavoratori avevano conquistato con dure lotte negli anni ’70 son ormai diventate da molto tempo“carta straccia” , soprattutto nel nostro settore.

Precarietà, lavoro obbligatorio domenicale, salari da fame , licenziamenti, violazione delle norme contrattuali e legislative e dei più elementari diritti dei lavoratori sono ormai l “pane quotidiano” nel nostro settore in tutti i posti di lavoro.

Per tutto ciò, per tutti i diritti persi in cui le nostre categorie hanno fatto spesso da battistrada, dobbiamo ringraziare , oltre ai padroni che ovviamente fanno il loro mestiere, cgil –csil e uil che di concertazione in concertazione ci hanno portato all’attuale situazione.

Dall’accettazione della legge Treu sul precariato, all’accettazione della limitazione del diritto di sciopero fino alla firma di tutti gli accordi bidone , nazionali e aziendali , il peggioramento delle condizioni dei lavoratori cui siamo arrivati ha dei responsabili precisi e ben individuati : QUESTI RESPONSABILI SI CHIAMANO CGIL-CISL E UIL.

La stessa “cura Marchionne” di cui tanto si parla oggi non è che la logica conseguenza della concertazione e del’accettazione della logica del padrone di cui si sono fatti carico non solo cgil-cisl e uil ma anche la stessa Fiom che l’ha sempre praticata e che continua a praticarla in numerosi accordi della sua categoria!
La Flaica Uniti così come tutta la CUB ritiene che occorre cambiare registro e mettere al centro dell’azione sindacale i bisogni e le esigenze dei lavoratori.

Per questo indice uno sciopero per tutta la giornata il 28 GENNAIO sui temi del reddito, del lavoro, della lotta alla precarietà e dei diritti e invita tutti i lavoratori al concentramento di Milano - LARGO CAIROLI ORE 9,30.

CON LA PROSPETTIVA DI COSTRUIRE DAL BASSO E A BREVE LE CONDIZIONI PER UNO SCIOPERO GENERALE INDETTO UNITARIAMENTE DAL SINDACALISMO DI BASE CHE COINVOLGA SU QUESTI TEMI TUTTE LE CATEGORIE DI LAVORATORI, GLI STUDENTI, I MIGRANTI , CETI POPOLARI E FORZE SOCIALI.

Milano , 18 gennaio

 

Flaica Uniti – Cub Milano, Monza e Brianza

 

 

 

FaceBook