FIAT MELFI: E’ MOLTO FACILE FIRMARE QUANDO “A ZAPPARE” SONO POI GLI OPERAI - modificati i turni di lavoro, la FLMUniti-Cub non starà a guardare

 

Prendi il testo del volantino pronto per la stampa .zip

L’11 Marzo 2008 per esigenze aziendali, sono stati firmati alla SATA, da Fim-Fiom-Uilm, Fismic, Failms e Ugl e dalla maggior parte dei delegati RSU loro aderenti, i verbali d’intesa per il cambiamento della turnazione di lavoro.
I verbali confermano TEORICAMENTE che a partire dal giorno 7 Aprile 2008 l’orario di lavoro, in via temporanea e per tutto l’anno 2008 sarà articolato su 15 turni settimanali.  
Realmente invece :
Sanciscono che per esigenze tecnico-organizzative e produttive nell’area produttiva dell’Unità Stampaggio sarà mantenuto l’attuale sistema di turnazione a 17 turni settimanali e nelle aree produttive della Verniciatura Paraurti e della Lastratura Parti Mobili, si potrà far ricorso a straordinario sul 1° turno del sabato;
Stabiliscono che l’orario di lavoro per il personale addetto ad attività di manutenzione, continuerà ad essere articolato su 20 turni settimanali, distribuiti su 7 giorni alla settimana, con 2 giorni consecutivi di riposo a scorrimento;
Convengono che a seguito del blocco della produzione dei motori (al fine di garantire gli interessi della Fiat), nel corso dell’anno 2008, saranno effettuate, prestazioni di lavoro a regime straordinario al di fuori delle “quote esenti” contrattuali, in giornate di sabato sul primo turno;
Fissano pertanto che la Fiat, nel momento in cui gli farà più comodo potrà chiedere ai lavoratori 5 giorni di straordinario comandato (sancito dall’ultimo rinnovo del contratto nazionale) più 8 giorni di straordinario concordato con la RSU (per recupero di tutti i giorni di fermo di produzione che ci sono stati nel mese di Febbraio 2008) e il riposo sul primo turno gli operai se lo possono scordare.
Se la Fiat ne avrà la necessità, tra straordinari comandati e straordinari concordati con la RSU (per il fermo di Febbraio) i 15 turni rimarranno CONCRETAMENTE una pura illusione per gli operai.
Potrebbe anche non succedere, dipende sempre dalle esigenze aziendali.
Nonostante tutto i sindacati firmano e esprimono “SODDISFAZIONE per il risultato positivo raggiunto in quanto secondo loro MIGLIORA le CONDIZIONI di Vita dei lavoratori”!!!
Gli operai prima
vengono
comandati dalla Fiat a rimanere a casa perché i motori non arrivano (però restano sempre a disposizione del padrone, con un piede dentro la porta di casa e uno fuori, pronti a partire per lo stabilimento),
poi, per le esigenze aziendali di recuperare la produzione persa, vengono costretti al lavoro straordinario.
Solo rinunciando al riposo possono guadagnare qualcosa in più (sempre una miseria, decurtata anche dalla conseguente riduzione degli assegni familiari).
Francamente non riusciamo a comprendere e a intravedere dove è il miglioramento tanto rivendicato.
Capiamo solo cosa significa per padroni e sindacati il recupero salariale: più fatica e meno soldi.
La FLMUniti-CUB non rimarrà a guardare e nel momento opportuno insieme ai lavoratori valuterà le azioni da mettere in campo per garantire il diritto al riposo e contrastare il peggioramento delle condizioni di lavoro.

Melfi marzo 2008

Federazione Lavoratori Metalmeccanici Uniti – Confederazione Unitaria di Base
FLMUniti-CUB Sede Provinciale Vico Cavaliere n° 33, 85025 MELFI (PZ)
Tel-Fax 0972-238890 - 204391 e mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
e mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

FaceBook