<ANSA> SCUOLA: MILANO; PRESIDIO CUB PER DIRE BASTA A PRECARI


SCUOLA: MILANO; PRESIDIO CUB PER DIRE BASTA A PRECARI


    (ANSA) - MILANO, 13 SET
- Il comparto Scuola della
Confederazione unitaria di base (Cub) e' sceso di nuovo in
piazza, oggi a Milano, per dire ''basta ai precari'' e per
sostenere le loro lotte oltre che per discutere delle nomine a
tempo determinato e indeterminato.

   Dalla 15 un presidio e' stato attuato davanti all'Ufficio
scolastico regionale di via Ripamonti
in cui e' stato chiesto al
provveditore di ''sanare al piu' presto una situazione con
insegnanti precari rimasti senza lavoro''.

   ''Ieri abbiamo avuto la riprova del fatto che solo l'impegno
e l'indignazione dei diretti interessati puo' contrastare lo
sfascio della scuola pubblica e il trattamento indecente che ci
e' riservato'', ha affermato Elisabetta Daina della
Cub-Scuola.

''E' infatti avvenuto - ha ricordato - che gli insegnanti
precari rimasti senza lavoro hanno chiesto il ritiro della
circolare regionale del 2 settembre
, che delega ai singoli
dirigenti scolastici la gestione delle nomine dopo il 10
settembre, perche' di fatto scardina il carattere pubblico e
basato sul punteggio maturato nel tempo delle nomine annuali e
perche' va garantita la trasparenza nelle operazioni di
nomina''.

   Pertanto ''l'ufficio procedera' a nuove convocazioni
provinciali per le graduatorie non esaurite, ovvero con
disponibilita' di cattedre o posti orario, e la pubblicazione di
tutte le disponibilita' non ancora comunicate''
. Intanto nelle
scuole, denuncia  il sindacato di base, ''mancano gli
insegnanti, le ore di sostegno, le ore di laboratorio, le
compresenze, la vigilanza sugli allievi e soprattutto manca la
buona scuola''.(ANSA).

 

 

FaceBook