Il gazzettino 01 10 2004

Scuola in sciopero contro la riforma Moratti 
"Anticipo" della manifestazione ieri sera a Milano.
Numerose iniziative oggi nelle maggiori città
Sciopero nella scuola oggi e iniziative di protesta in tutta Italia contro la riforma Moratti.

 
L'astensione dal lavoro è stata proclamata dall'Unicobas in coincidenza con una giornata nazionale di mobilitazione indetta dal Coordinamento nazionale in difesa del tempo pieno e della scuola pubblica. Mobilitazione alla quale hanno dato la loro adesione anche Cobas, Cub e Cgil.  
Nutrito il pacchetto di iniziative messe in piedi dai coordinamenti di genitori e insegnanti. Già ieri il Mazda palace di Milano è stato teatro di una serata dal tema esplicito «Le buone ragioni della scuola per tutti e per tutte continuano a resistere». Numerosi gli interventi di artisti e personaggi del mondo dello spettacolo tra cui Claudio Bisio, Lella Costa, Moni Ovadia, Paolo Hendel che hanno saputo intepretare con la consueta graffiante sagacia il difficle momento che la scuola sta attraversando e lo scarso gradimento che la riforma ha risocsso tra studenti, genitori e docenti.  
Sempre a Milano oggi pomeriggio sfilerà il primo corteo studentesco del nuovo anno scolastico organizzato dal Coordinamento dei collettivi studenteschi, di Milano e provincia.  
A Torino raduno alle 17 a piazza Castello; a Bologna sarà in scena una protesta festosa con musica di strada, giocolieri e Clown; a Genova una catena umana circonderà la sede regionale della Rai; a Firenze genitori, bambini e insegnanti si ritroveranno a piazza Ss. Annunciata per una festa con animazione e spettacoli; a Napoli rappresentazione in piazza Carità; a Venezia corteo acqueo lungo il Canal Grande e ingresso ritardato di mezz'ora per gli alunni; a Palermo appuntamento alle 16.30 a piazza Politeama. Gli eventi organizzati per dire «no» alla riforma della scuola del Governo Berlusconi coinvolgeranno non solo città capoluogo ma anche centri minori della penisola.  
Confermata intanto la priorità della scuola in ambito delle scelte finanziarie del governo: «La Finanziaria - ha detto il ministro Moratti -prevede di introdurre in via sperimentale nelle scuole testi da scaricare via internet per far fronte al 'caro-libri'». «Nella manovra è previsto anche un finanziamento di 10 milioni di euro per il miglioramento delle attrezzature didattiche delle istituzioni dell'Alta formazione artistica e musicale». «Per Università e ricerca sono previsti incrementi per 143 milioni di euro complessivi e il Governo -ha concluso il ministro -sta per varare un provvedimento sulla competitività che completerà la manovra».  
Finanziaria protagonista anche nell'incontro del ministro Moratti con la presidenza della Conferenza dei Rettori delle università italiane. La delegazione Crui ha preso atto inoltre che la Finanziaria non prevede il blocco delle assunzioni. L'incontro della Moratti con la Crui è stato l'occasione per confrontarsi sull'applicazione delle deroghe alle assunzioni previste dalla Finanziaria 2004 e sugli sviluppi dell'iter parlamentare del disegno di legge delega sullo stato giuridico dei docenti.


.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-


Corriere 01 10 2004

 

SCUOLA  - Corteo contro la riforma Moratti

A infiammare l’autunno della scuola è la riforma del ministro dell’Istruzione, Letizia Moratti, partita con il nuovo anno scolastico. In concomitanza con la giornata nazionale di mobilitazione, indetta dal Coordinamento nazionale in difesa del tempo pieno e della scuola pubblica, i lavoratori iscritti a Unicobas, Cobas e Cub hanno organizzato scioperi e agitazioni in tutta Italia.  Ieri sera al MazdaPalace di Milano sono «andati in scena» Claudio Bisio, Lella Costa, Moni Ovadia e Paolo Hendel per una serata-dibattito sulle «Le buone ragioni della scuola per tutti e per tutte continuano a (r)esistere». Questa mattina, invece, sfila in centro il primo corteo studentesco del nuovo anno scolastico, organizzato dal Coordinamento dei collettivi studenteschi di Milano e provincia.


 .-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.- 

Cronaca di Milano
Kataweb 1 10 004 
Roma, 01 ott 2004 - 10:21

Scioperi nelle scuole  

Una giornata difficile per le scuole e, in mezza Italia, senza banche. Le prime sono vittima dello sciopero indetto in tutta Italia da Unicobas e dalla mobilitazione dei confederali contro la riforma Moratti, le seconde della mobilitazione dei 300mila bancari a sostegno del rinnovo del contratto nazionale di lavoro.

 
L'astensione dal lavoro a scuola è stata proclamata da Unicobas in coincidenza con una giornata nazionale di mobilitazione indetta dal Coordinamento nazionale in difesa del tempo pieno e della scuola pubblica, alla quale hanno dato la loro adesione anche Cobas, Cub e Cgil. Iniziative in tutta Italia: nel pomeriggio a Milano sfilerà il primo corteo studentesco del nuovo anno.

A Torino raduno alle 17 a piazza Castello, a Bologna protesta con musica di strada, giocolieri e clown; a Genova una catena umana intorno alla sede regionale della Rai, a Firenze festa con animazione e spettacoli a piazza Ss. Annunciata; a Napoli rappresentazione in piazza Carità; a Venezia corteo acqueo lungo il Canal Grande e ingresso ritardato di mezz'ora per gli alunni; a Palermo appuntamento alle 16.30 a piazza Politeama.  
 

FaceBook